I paesi con deficit inferiore al 3% del Pil potranno "deviare" dal percorso di riduzione ulteriore del disavanzo verso l'obiettivo del pareggio di bilancio. Vale per i cofinanziamenti Stati-Ue.

La commissione ammette la flessibilità per i conti dei virtuosi

print mail facebook twitter single-g-share

I paesi con deficit inferiore al 3% del Pil potranno “deviare” dal percorso di riduzione ulteriore del disavanzo verso l’obiettivo del pareggio di bilancio. Vale per i cofinanziamenti Stati-Ue.

LASCIA UN TUO COMMENTO