Domani l'esecutivo comunitario comunicherà i dati del prossimo anno su Pil e conti dei Paesi Ue. Nonostante le cifre di settembre (+3,1%) sembra che il disavanzo italiano resterà al 2,7% nel 2014. In ballo c'è il margine di manovra per gli investimenti produttivi e il rischio di nuove infrazioni

Previsioni d’autunno, l’Italia verso una promozione sul deficit

print mail facebook twitter single-g-share

Domani l’esecutivo comunitario comunicherà i dati del prossimo anno su Pil e conti dei Paesi Ue. Nonostante le cifre di settembre (+3,1%) sembra che il disavanzo italiano resterà al 2,7% nel 2014. In ballo c’è il margine di manovra per gli investimenti produttivi e il rischio di nuove infrazioni

LASCIA UN TUO COMMENTO