Costano 800 miliardi i ritardi nel completamento dell’integrazione europea

print mail facebook twitter single-g-share

Lo dice uno studio del servizio ricerca del Parlamento, dove peraltro le stime sono prudenziali. L’Unione vera potrebbe liberare risorse anche per oltre 1.000 miliardi. Agenda digitale, mercato beni e servizi ed energia tra le priorità della nuova legislatura

ARTICOLI CORRELATI

    TUTTI i post di: Emanuele Bonini

    Visualizza altri post
    LOADING
    LASCIA UN TUO COMMENTO