Parte da Roma il “controsemestre popolare” di presidenza Ue

print mail facebook twitter single-g-share

Il movimento si oppone alla politica del rigore, nella convinzione che sia stata “imposta dalle istituzioni europee, ma in fondo condivisa anche dai governi nazionali”. Gli antagonisti non credono alla svolta indicata dal premier Matteo Renzi e voglioni far saltare il Fiscal Compact

LASCIA UN TUO COMMENTO