Juncker: Più flessibilità ma serve ancora rigore

print mail facebook twitter single-g-share

Nella prima giornata di audizioni dei gruppi parlamentari al presidente designato, a tenere banco è l’uso della flessibilità contenuta nel Patto di stabilità: “Sarà interpretato con sensibilità”, promette il candidato, che però avvisa: “Resto favorevole al rigore”. Ai socialisti la promessa di un commissario agli Affari economici ma risposte poco convincenti su immigrazione. Pittella: “Solo prima fase di discussione”

ARTICOLI CORRELATI

    TUTTI i post di: Letizia Pascale

    Visualizza altri post
    LOADING
    LASCIA UN TUO COMMENTO