Il semplice ma efficiente sistema per controllare le oscillazioni a cui Galileo viene sottoposto quando è soggetto a un moto circolare

L’ESA premia un team italiano per i suoi studi sul sistema europeo Galileo

print mail facebook twitter single-g-share

Il Vadase – Variometric Approach for Displacements Analysis Stand-alone Engine, gruppo di studio dell’area di Geodesia e Geomatica dell’Università La Sapienza di Roma coordinato da Mattia Crespi, è stato ufficialmente inserito tra i primi 50 gruppi a livello mondiale che potranno lavorare davvero con il satellite nei prossimi anni

ARTICOLI CORRELATI

    TUTTI i post di: Laura Gobbo

    Visualizza altri post
    LOADING
    LASCIA UN TUO COMMENTO