L’Ue rimane divisa sui ricollocamenti: via libera, ma solo a maggioranza

print mail facebook twitter single-g-share

Romania, Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia hanno votato contro, Finlandia astenuta. Si parte con 66mila trasferimenti da Italia e Grecia in un anno. Stati in circostanze eccezionali potranno ritardare di un anno l’accoglienza del 30% dei rifugiati, ma no alla possibilità di compensazioni economiche

ARTICOLI CORRELATI

    TUTTI i post di: Letizia Pascale

    Visualizza altri post
    LOADING
    LASCIA UN TUO COMMENTO