L’Ue apre le porte ai nuovi cibi, come insetti e alghe

print mail facebook twitter single-g-share

Non saranno più i governi ma Bruxelles a dedere sulla commercializzazione di nuovi prodotti, siano essi frutto di tecnologie innovative o alimenti provenienti da zone remote di tutto il mondo

ARTICOLI CORRELATI

    TUTTI i post di: Caterina Tani

    Visualizza altri post
    LOADING
    LASCIA UN TUO COMMENTO