Una donna palestinese si dispera dopo l'eradicazione dei suoi olivi

Una donna palestinese si dispera dopo l'eradicazione dei suoi olivi

Vini e Olii da colonie israeliane possono sfuggire all’etichettatura speciale

print mail facebook twitter single-g-share

Secondo le regole commerciali anche quando viti e olivi sono coltivati negli insediamenti illegali in Palestina, se le cantine e i frantoi sono nei confini internazionalmente riconosciuti sarà possibile usare comunque la dicitura ‘Made in Israel’ per il prodotto finale

ARTICOLI CORRELATI

    LASCIA UN TUO COMMENTO