Refugees Welcome, quando il coinquilino è un rifugiato

print mail facebook twitter single-g-share

L’iniziativa di hosting partita dalla Germania si è allargata a diverse nazioni e punta a crescere sempre di più. Per capire meglio come funziona abbiamo intervistato Sophie Mirow del team di Berlino.

ARTICOLI CORRELATI

    TUTTI i post di: Alessandro Ricci

    Visualizza altri post
    LOADING
    LASCIA UN TUO COMMENTO