Corte Ue: Se archiviazione è frettolosa sospetto può essere indagato in altro Stato Schengen

print mail facebook twitter single-g-share

Una sentenza della Corte dell’Ue apre a nuove interpretazioni del principio del “ne bis in idem”, per cui una persona non può essere giudicata una seconda volta per lo stesso reato

ARTICOLI CORRELATI

    TUTTI i post di: Lisa D'Ignazio

    Visualizza altri post
    LOADING
    LASCIA UN TUO COMMENTO