diritti umani

Un’etichetta “abuse free” per i prodotti che rispettano i diritti umani

print mail facebook twitter single-g-share

La proposta dell’eurodeputato Corrao del M5S è stata approvata dall’Aula di Strasburgo, il Parlamento chiede un marchio per certificare che i beni fabbricati in Paesi terzi non siano il frutto dello sfruttamento

TUTTI i post di: Lisa D'Ignazio

Visualizza altri post
LOADING
LASCIA UN TUO COMMENTO