L’Ue investe nella “Brain Interface” per migliorare la vita delle persone disabili

print mail facebook twitter single-g-share

All’Eu energy summit il direttore generale della Commissione per il mercato digitale Roberto Viola ha ricordato l’impegno delle istituzioni europee nel campo dei sistemi cognitivi artificiali in aiuto alle persone con ridotta mobilità motoria

ARTICOLI CORRELATI

    TUTTI i post di: Mattia Drago

    Visualizza altri post
    LOADING
    LASCIA UN TUO COMMENTO