L’Italia riduce la quota di giovani inattivi, ma resta prima nell’Ue per ‘Neet’

print mail facebook twitter single-g-share

Secondo i dati Eurostat negli ultimi due anni il Belpaese ha invertito le tendenze riducendo il numero di chi non studia, non lavora e nemmeno segue corsi di formazione, ma il Paese rimane maglia nera.

ARTICOLI CORRELATI

    TUTTI i post di: Lena Pavese

    Visualizza altri post
    LOADING
    LASCIA UN TUO COMMENTO