App Store Google play

Oneuro, il think tank di eunews, è primo settimanale italiano di approfondimento economico e di politica internazionale, nato con l’obiettivo di alimentare l’informazione e il confronto sui principali temi che riguardano il ruolo dell’Italia in Europa e dell’Europa nel mondo.

Scarica gratuitamente l’app dagli store iTunes e Google Play o leggi la versione online! Potete contattarci all’indirizzo: oneuro[at]eunews.it.

copertina

Numero 121:

Geopolitica dell'Europa

  1. Geopolitica dell'Europa

    [di Pierluigi Fagan] Stretti tra l’impossibilità della Geuropa (l’Europa germanica) e degli Stati Uniti d’Europa, e l’insostenibilità del vessillo nazionale ottocentesco, forse dovremmo abbandonare per sempre sia il concetto di nazione, sia quello di unione. E concentrarci su quello di Stato.

  2. L'ambiguità che ci difende alla tirannia

    [di Gustavo Piga] Non si può procedere, sperando in un successo realistico, verso una unione politica senza concordare anzitutto la costituzione economica su cui questa si dovrà fondare.

  3. Il passo veloce dell'Europa possibile

    [di Monica Frassoni] L’Europa “a più velocità” auspicata da Angela Merkel porterebbe a un ulteriore indebolimento della UE: può infatti voler dire un’Europa “à la carte”, in cui ognuno decide di volta in volta su cosa collaborare.

  4. L’austerità, un disastro peggiore del previsto

    [di Matt O’Brien] Un recente studio rivela che le politiche di austerità sono servite solo a far aumentare ulteriormente il rapporto debito/PIL dei paesi europei, distruggendo un’economia già colpita dalla peggiore crisi degli ultimi ottant’anni.

  5. Gli USA non dovrebbero incolpare il Messico per il loro deficit commerciale – ma la Germania

    [di Matthew C. Klein] I problemi che affliggono la bilancia commerciale americana dipendono in buona parte dalla Germania e dagli altri paesi dell’eurozona, che continuano a soffocare i loro consumi interni, a spese del resto del mondo.

  6. Cosa ci insegna il tormento infinito della Grecia

    [di Maurizio Sgroi] Il Fondo monetario internazionale spiega perché i sacrifici imposti alla Grecia non sono serviti a nulla, se non a peggiorare la situazione del paese.

PageAppOneuroRivisteContainerLeftArrow
PageAppOneuroRivisteContainerLeftArrow