Rassegna Stampa

Si dimette Olivier Blanchard, il capo economista che ha “rivoluzionato” l’Fmi (IT)

di Redazione

Olivier Blanchard lascia il Fondo monetario internazionale dopo aver contributo a cambiare a fondo la sua dottrina. Il capo economista e direttore del Dipartimento per la ricerca economica ha annunciato la sua intenzione, con efficacia dal 30 settembre prossimo, al direttore generale, Christine Lagarde. Blanchard era all’Fmi dal 2008.

L’economista francese ha già un nuovo incarico, sempre a Washington: da ottobre si trasferirà infatti al Peterson Institute for International Economics, uno dei più prestigiosi think tank americani, dove sarà senior fellow.

Con lui alla guida della ricerca economica, il Fondo monetario si è allontanato dalle tradizionali politiche di sostegno all’offerta che imponevano tagli alla spesa per liberare risorse da destinare al taglio delle tasse e lo ha avvicinato invece a politiche neo-keynesiane di sostegno alla domanda. Il ruolo degli investimenti pubblici e di una politica monetaria espansiva ha assunto sempre più peso nelle ricette dell’Fmi per portare l’economia mondiale fuori della recessione. Già nel 2012, l’Fmi ha ammesso che i piani di austerità adottati durante la crisi avevano provocato più danni di quanto avesse previsto.

Francese di nascita, Blanchard ha speso gran parte della sua vita professionale negli Stati Uniti. Dopo aver ottenuto il suo PhD in economia al Massachusetts Institute of Technology nel 1977, ha insegnato alla Harvard University per alcuni anni, prima di tornare al Mit nel 1982, dove nel 1998 e’ stato nominato presidente del Dipartimento economico. L’approdo al Fondo risale al 2008, come Consigliere economico e Direttore del Dipartimento ricerca.

«Nella sua qualità di uno tra i principali macroeconomisti mondiali», afferma Chistine Lagarde in una nota, «Olivier è stato in prima linea nella risposta del Fondo alla crisi finanziaria globale, favorendo un fondamentale ripensamento della politica macroeconomica che ancora sta producendo efeftti nei circoli accademici e politici. Da un punto di vista più personale», aggiunge Lagarde, «ho immensamente apprezzato la leadership intellettuale di Olivier, i suoi saggi consigli, la sua amicizia e la sua lealta’ negli ultimi quattro anni. Come a chiunque altro al Fondo, mi mancherà».

Il dipartimento finora guidato da Blanchard è responsabile di importanti pubblicazioni, tra cui il World Economic Outlook, il rapporto sullo stato di salute dell’economia mondiale che viene diffuso due volte all’anno, in primavera e in autunno.