Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Certificato Covid Recovery plan Elezioni Germania 2021 Coronavirus Brexit SmartEvent
Mali, Prodi: Serve una voce comune nella politica per il Sahel

Mali, Prodi: Serve una voce comune nella politica per il Sahel

Una “voce comune” per il Sahel. E’ l’obiettivo dell’incontro che Romano Prodi, inviato speciale dell’Onu nella regione, ha avuto a Bruxelles con l’Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza comune europea Catherine Ashton e avra’ con la commissaria per la Cooperazione internazionale Kristalina Georgieva. Si tratta di “incontri molto importanti – ha sottolineato – perche’ fanno parte del cammino che sto compiendo nel cercare di avere una voce comune nei confronti della politica sul Sahel”. La comunità internazionale, ha detto Prodi, “ha interessi comuni nel cercare di rimettere in cammino un Paese, una zona e di combattere il terrorismo”. Ma per farlo “dobbiamo mettere insieme tutte queste forze”, ha esortato l’ex premier, annunciando per i prossimi giorni a Bologna una riunione di tutti gli inviati speciali per il Sahel, che “saranno insieme per unificare le posizioni”. Ci saranno l’inviato dell’Unione africana, quello dell’Onu e dei vari Paesi, “in modo che si abbia una politica sola”, ha concluso. Al termine dell’incontro con Prodi, la Ashton ha sottolineato come sia “essenziale che la comunita’ internazionale aiuti il popolo del Mali a trovare una soluzione duratura alla crisi che affronta il Paese”. E la soluzione, ha spiegato in una nota diffusa a Bruxelles, si fonda su due elementi “essenziali: il ripristino di istituzioni statali credibili e la creazione di un contesto credibile per i negoziati Nord-Sud, con l’obiettivo di arrivare alla riunificazione e ad una pace duratura”. In questo ambito, ha concluso l’Alto rappresentante, “la nostra proposta per sostenere l’addestramento e la ristrutturazione dell’esercito maliano contribuirà a questo”.

 Maria Grazia Napolitano per Adn Kronos di oggi “MALI: PRODI, SERVE VOCE COMUNE SU POLITICA PER IL SAHEL” 

Per saperne di più leggi qui

ARTICOLI CORRELATI

🗓️  Assemblea generale dell'ONU, esame del pacchetto
Agenda europea

🗓️ Assemblea generale dell'ONU, esame del pacchetto "Fit for 55", gestione della pandemia, elezioni tedesche. L'agenda europea (20-24 settembre)

L'Europa 'trasloca' a New York, per l'Assemblea generale dell'ONU. L'esecutivo comunitario vedrà molti suoi membri a New York, per discutere a livello mondiale di clima, Yemen, crisi umanitarie, diritti dell'infanzia, approfittando della sessione di lavori al Palazzo di Vetro. Il collegio discute le regole comuni per i reduci e un sistema che garantisca vantaggi commerciali ai paesi in via di sviluppo. Per il Parlamento europeo è 'settimana verde', quella che non prevede attività istituzionale di commissioni ma lavoro nei rispettivi collegi elettorali e missioni all'estero. In Consiglio si ritrovano i ministri degli Affari europei per fare il punto della situazione sulla crisi sanitaria e il coordinamento della risposta alla pandemia. Ma è tempo per i ministri di Energia e Trasporti di iniziare a valutare le proposte di sostenibilità e futuro eco-compatibile racchiuse nel più ampio pacchetto "Fit for 55". Ma le attenzioni sono tutte per le elezioni in Germania. Si chiude l'era Merkel, con i cittadini chiamati a rinnovare il Bundestag e indicare chi sarà il nuovo cancelliere. Un voto che può ridisegnare gli equilibri politici dell'UE.