Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Certificato Covid Recovery plan Elezioni Germania 2021 Coronavirus Brexit SmartEvent
Poltrone vuote eccellenti al concerto di Battiato

Poltrone vuote eccellenti al concerto di Battiato

Quando si boicotta la cultura per ragioni politiche non è mai un buon segno. La Storia da cui fatichiamo ad imparare regala perle di orrore ogni volta in cui un regime decide di colpire gli artisti che l’hanno sfidato.  Siamo parecchio lontani da questi eccessi, oggi, grazie al cielo. Però se parte della classe dirigente italiana a Bruxelles decide di non andare al concerto di Franco Battiato per reazione alle parole sulle “troie in Parlamento” , si può scatenare un sentimento di inquietudine in chi cerca cerca di ragionare senza aderire incondizionamente a un causa.

C’erano parecchie sedie vuote, martedì sera, al Bozar. Mancavano persone che invece risultavano sulla lista degli ospiti cortesemente invitati dal Monte Paschi Belgio e dall’Istituto italiano di cultura. Persone, si sente raccontare, che hanno preferito prendere le distanze da Battiato.  Non si è vista – salvo smentita sempre ben accetta – la direttrice dell’Istituto, la stessa che nel pomeriggio era corsa a girare un video di pochi secondi con le scuse del Maestro. Mancava anche Ferdinando Nelli Feroci, ambasciatore italiano presso l’Unione europea (si dice che avesse a cena un ospite di riguardo, invitato da tempo). Assente anche l’ambasciatore presso il regno del Belgio Alfredo Bastianelli. Qualcuno parla di indicazioni giunte da Roma, voce che si perde nel rumore di un chiacchiericcio generale. (Non tutti però hanno obbedito alleventuale ordine, qualche diplomatico si è visto, mescolato tra il pubblico).

Il concerto, voluto con forza dalla BeIt (Società organizzatrice di eventi di musica italiana in Belgio), è sta bellissimo. Ed è un peccato per chi non c’era.

ARTICOLI CORRELATI

🗓️  Assemblea generale dell'ONU, esame del pacchetto
Agenda europea

🗓️ Assemblea generale dell'ONU, esame del pacchetto "Fit for 55", gestione della pandemia, elezioni tedesche. L'agenda europea (20-24 settembre)

L'Europa 'trasloca' a New York, per l'Assemblea generale dell'ONU. L'esecutivo comunitario vedrà molti suoi membri a New York, per discutere a livello mondiale di clima, Yemen, crisi umanitarie, diritti dell'infanzia, approfittando della sessione di lavori al Palazzo di Vetro. Il collegio discute le regole comuni per i reduci e un sistema che garantisca vantaggi commerciali ai paesi in via di sviluppo. Per il Parlamento europeo è 'settimana verde', quella che non prevede attività istituzionale di commissioni ma lavoro nei rispettivi collegi elettorali e missioni all'estero. In Consiglio si ritrovano i ministri degli Affari europei per fare il punto della situazione sulla crisi sanitaria e il coordinamento della risposta alla pandemia. Ma è tempo per i ministri di Energia e Trasporti di iniziare a valutare le proposte di sostenibilità e futuro eco-compatibile racchiuse nel più ampio pacchetto "Fit for 55". Ma le attenzioni sono tutte per le elezioni in Germania. Si chiude l'era Merkel, con i cittadini chiamati a rinnovare il Bundestag e indicare chi sarà il nuovo cancelliere. Un voto che può ridisegnare gli equilibri politici dell'UE.
L'Europa da leggere torna tra una settimana
Uncategorized

L'Europa da leggere torna tra una settimana

Il Mondo e l’Unione europea continuano a girare, ma ci auguriamo che in questa settimana il ritmo rallenti un po’, e dunque la nostra redazione si prende qualche giorno di riposo. Ci rivediamo il prossimo 24 agosto con le nostre notizie dall’Europa. Buon Ferragosto a tutti i nostri lettori.