Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Certificato Covid Recovery plan Elezioni Germania 2021 Coronavirus Brexit SmartEvent
Mali, è iniziata l'operazione di addestramento Ue

Mali, è iniziata l'operazione di addestramento Ue

La conferma del portavoce dell’Alto rappresentanteAshton. Dall’Italia quindici esperti
Il primo battaglione maliano pienamente autonomo dovrebbe essere pronto a luglio

Soldati MaliAl via la missione comunitaria di addestramento delle forze armate maliane (Eutm, European union training mission). I circa 250 istruttori militari hanno cominciato ad operare sul territorio del Paese africano, come precisato dal portavoce dell’Alto rappresentante per la Politica estera e di sicurezza dell’Ue, Catherine Ashton. “La missione è cominciata oggi, come programmato”, ha detto Micheal Mann. Gli addestratori militari, ha ricordato, “aiuteranno le forze armate maliane, mettendole in condizione di poter difendere la loro nazione”.

La missione, che risponde politicamente al Consiglio Ue e più precisamente al Comitato politico e di sicurezza (Cops), prevede l’invio di circa 200 istruttori, più il personale di appoggio e una forza di protezione, per un totale di circa 450 persone e un costo di 12,3 milioni di euro per tutta la durata del mandato, fissata per ora a 15 mesi. L’Italia dovrebbe contribuire con l’invio di una quindicina di militari, che possono essere aumentati fino a 24. Lo stato maggiore della missione è a Bamako, capitale del Mali, e l’Eutm è guidata dal generale francese Francois Lecointre, il quale nei mesi scorsi ha detto che il primo battaglione maliano pienamente addestrato e autonomamente operativo potrebbe aversi per luglio.

R. G.

ARTICOLI CORRELATI

🗓️  Assemblea generale dell'ONU, esame del pacchetto
Agenda europea

🗓️ Assemblea generale dell'ONU, esame del pacchetto "Fit for 55", gestione della pandemia, elezioni tedesche. L'agenda europea (20-24 settembre)

L'Europa 'trasloca' a New York, per l'Assemblea generale dell'ONU. L'esecutivo comunitario vedrà molti suoi membri a New York, per discutere a livello mondiale di clima, Yemen, crisi umanitarie, diritti dell'infanzia, approfittando della sessione di lavori al Palazzo di Vetro. Il collegio discute le regole comuni per i reduci e un sistema che garantisca vantaggi commerciali ai paesi in via di sviluppo. Per il Parlamento europeo è 'settimana verde', quella che non prevede attività istituzionale di commissioni ma lavoro nei rispettivi collegi elettorali e missioni all'estero. In Consiglio si ritrovano i ministri degli Affari europei per fare il punto della situazione sulla crisi sanitaria e il coordinamento della risposta alla pandemia. Ma è tempo per i ministri di Energia e Trasporti di iniziare a valutare le proposte di sostenibilità e futuro eco-compatibile racchiuse nel più ampio pacchetto "Fit for 55". Ma le attenzioni sono tutte per le elezioni in Germania. Si chiude l'era Merkel, con i cittadini chiamati a rinnovare il Bundestag e indicare chi sarà il nuovo cancelliere. Un voto che può ridisegnare gli equilibri politici dell'UE.