Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / HGE8 Certificato Covid Recovery plan Elezioni Germania 2021 Coronavirus Brexit SmartEvent
Bilancio Ue, le imminenti elezioni favoriscono l'accordo dei deputati

Bilancio Ue, le imminenti elezioni favoriscono l'accordo dei deputati

La bufera per il compromesso raggiunto tra Parlamento e Consiglio è durata appena un giorno
Gli Stati sono favorevoli e molti deputati potrebbero dire di sì per garantirsi una ricandidatura

Alain Lamassoure
Alain Lamassoure

Dopo la bufera di ieri per l’accordo informale sul bilancio pluriennale dell’Ue raggiunto tra il capo dei negoziatori del Parlamento europeo, il popolare Alain Lamassoure, e la presidenza del Consiglio Ue, a Bruxelles sembra essere tornata la calma. Uno dei negoziatori dell’Aula, il tedesco Reimer Böge del Ppe, si è dimesso dal suo incarico che ricopriva dal 2004, l’altro membro del team negoziale, il socialista Ivailo Kalfin, ha sconfessato l’accordo e dai vari gruppi parlamentari (popolari esclusi) è partito un fuoco di fila che ha, nei fatti, sconfessato l’operato di Lamassoure. Eppure la calma regna assoluta nelle stanze del Parlamento di Bruxelles, non ci sono conferenze stampa previste per spiegare l’accaduto né comunicati o interventi pubblici di sorta.

“Passata la bufera iniziale tutti si sono presi un po’ di tempo per ragionare sulla cosa a mente lucida – spiega una fonte parlamentare – Fino a martedì manterranno tutti un basso profilo per capire se è possibile raggiungere un accordo”. Martedì si riunisce il Consiglio Affari generali in cui la presidenza di turno irlandese sottoporrà ai ministri dei Ventisette l’accordo informale raggiunto col Parlamento per chiederne l’approvazione. “Ci sono quindi ancora un po’ di giorni per far digerire questo testo agli eurodeputati. Non è un compromesso che ha soddisfatto nemmeno Lamassoure ma è il massimo che è riuscito ad ottenere”, continua la fonte.

Le cifre del bilancio pluriennale 2014-2020 non sono state toccate, restano 960 miliardi di euro, ovvero una cifra, per la prima volta nella storia dell’Ue, inferiore a quello per il periodo corrente 2007-2013 che è di 994 miliardi. Ma sono state accettate alcune delle richieste del Parlamento europeo, come la predisposizione di meccanismi di flessibilità che permettano di trasferire da un anno all’altro e da una rubrica all’altra gli stanziamenti e la possibilità di avere una revisione del budget, ma solo dopo il 2016. Troppo tardi per i deputati che, soprattutto su questo punto, si sono messi di traverso.

“Ma non ci dimentichiamo – ha concluso la fonte – che l’anno prossimo ci sono le elezioni europee. I governi dei Paesi membri sono tutti favorevoli a che l’accordo ci sia. E in questi governi sono presenti gli stessi partiti che dovranno scegliere i candidati alle elezioni. A chi saranno fedeli allora i deputati, ai gruppi di Strasburgo o a quelli del proprio Paese? Certo non tutti, ma molti sicuramente, dopo averci ragionato un po’, troveranno che questo accordo è ragionevole”.

 Alfonso Bianchi

Leggi anche:
Bilancio Ue: bagarre in Parlamento, Lamassoure sconfessato
Bilancio Ue 2014-2020: Accordo tra Consiglio e Parlamento
Il countdown europeo è iniziato, e non è un bene

ARTICOLI CORRELATI

Discriminazioni commerciali verso la Lituania, l'UE avvia la causa all'OMC contro la Cina
Economia

Discriminazioni commerciali verso la Lituania, l'UE avvia la causa all'OMC contro la Cina

Pechino accusata di aver imposto a partire da dicembre una serie di restrizioni ai prodotti importati dalla Lituania e di aver a sua volta tagliato le esportazioni cinesi verso il Paese baltico. Una decisione che l'UE non "prende a cuor leggero" ma inevitabile vista l'impossibilità di risolverla sul piano diplomatico. La replica della Cina: "La questione è politica, non economica"