Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Certificato Covid Recovery plan Elezioni Germania 2021 Coronavirus Brexit SmartEvent
Tav: in Italia costa 61 milioni al chilometro, in Spagna 10, e in Giappone 9

Tav: in Italia costa 61 milioni al chilometro, in Spagna 10, e in Giappone 9

Lo sottolinea il rapporto sulla corruzione della Commissione europea: il prezzo “potrebbe essere una spia di cattiva gestione o irregolarità”

BinariCi spiegheranno che è per via degli Appennini (famosi quelli tra Roma e Napoli) o per ragioni sismiche (quelle purtroppo ci sono sempre, mentre in Giappone il fenomeno è sconosciuto). Ci saranno ragioni tutte italiane mentre in Francia, in Spagna, o in Giappone si costruisce su vie ferroviarie naturali, tutte piatte e senza alcuna difficoltà. Ma il risultato da spiegare è come mai in Italia le ferrovie ad Alta velocità costano 61 (sessantuno) milioni al chilometro e in Giappone costa solo 9,8 milioni, in Spagna 9, 3 e in Francia 10,2.

Lo rileva un paragrafo del primo Rapporto della Commissione europea sulla corruzione nell’Unione, che vale la pena riportare integralmente: “L’alta velocità è tra le opere infrastrutturali più costose e criticate per gli elevati costi unitari rispetto a opere simili. Secondo gli studi, l’alta velocità in Italia è costata 47,3 milioni di euro al chilometro nel tratto Roma-Napoli, 74 milioni di euro tra Torino e Novara, 79,5 milioni di euro tra Novara e Milano e 96,4 milioni di euro tra Bologna e Firenze, contro gli appena 10,2 milioni di euro al chilometro della Parigi-Lione, i 9,8 milioni di euro della Madrid-Siviglia e i 9,3 milioni di euro della Tokyo-Osaka. In totale il costo medio dell’alta velocità in Italia è stimato a 61 milioni di euro al chilometro. Queste differenze di costo, di per sé poco probanti, possono rivelarsi però una spia, da verificare alla luce di altri indicatori, di un’eventuale cattiva gestione o di irregolarità delle gare per gli appalti pubblici”.

A. B.

ARTICOLI CORRELATI

🗓️  Assemblea generale dell'ONU, esame del pacchetto
Agenda europea

🗓️ Assemblea generale dell'ONU, esame del pacchetto "Fit for 55", gestione della pandemia, elezioni tedesche. L'agenda europea (20-24 settembre)

L'Europa 'trasloca' a New York, per l'Assemblea generale dell'ONU. L'esecutivo comunitario vedrà molti suoi membri a New York, per discutere a livello mondiale di clima, Yemen, crisi umanitarie, diritti dell'infanzia, approfittando della sessione di lavori al Palazzo di Vetro. Il collegio discute le regole comuni per i reduci e un sistema che garantisca vantaggi commerciali ai paesi in via di sviluppo. Per il Parlamento europeo è 'settimana verde', quella che non prevede attività istituzionale di commissioni ma lavoro nei rispettivi collegi elettorali e missioni all'estero. In Consiglio si ritrovano i ministri degli Affari europei per fare il punto della situazione sulla crisi sanitaria e il coordinamento della risposta alla pandemia. Ma è tempo per i ministri di Energia e Trasporti di iniziare a valutare le proposte di sostenibilità e futuro eco-compatibile racchiuse nel più ampio pacchetto "Fit for 55". Ma le attenzioni sono tutte per le elezioni in Germania. Si chiude l'era Merkel, con i cittadini chiamati a rinnovare il Bundestag e indicare chi sarà il nuovo cancelliere. Un voto che può ridisegnare gli equilibri politici dell'UE.
Cittadini europei contro la sperimentazione animale per i cosmetici
Cronaca
IL CONTRIBUTO

Cittadini europei contro la sperimentazione animale per i cosmetici

Dal 2004 l’Unione ha proibito la sperimentazione animale per prodotti cosmetici. Recentemente però, l’Agenzia Europea per le Sostanze Chimiche avrebbe chiesto di modificare la normativa per poter ottenere il via libera alla sperimentazione di ingredienti di uso cosmetico su animali come topi e conigli