Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Certificato Covid Recovery plan Elezioni Germania 2021 Coronavirus Brexit SmartEvent
Juncker promuove il semestre italiano: “Fatto molto e portati elementi ispiratori”
Jean-Claude Juncker parla a Strasburgo - f. Commissione Ue

Juncker promuove il semestre italiano: “Fatto molto e portati elementi ispiratori”

L’Italia ha fatto bene. Il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, promuove il semestre di presidenza del Consiglio Ue appena concluso. “Sì, la presidenza italiana ha fatto un buon lavoro”, il bilancio del lussemburghese, secondo cui il nostro Paese è stato non solo bravo a lavorare sui dossier ereditati ma soprattutto bravo a “ispirare” l’Europa. “All’entusiasmo della presidenza dobbiamo molti elementi ispiratori dell’azione della Commissione”, ammette Juncker.

Un merito in particolare? L’impegno sulla strategia per ripartire. “Senza la presidenza italiana la Commissione Ue avrebbe avuto delle difficoltà ad avanzare rapidamente sul Piano degli investimenti”. Ma soprattutto il delicato lavoro sul budget. Qui, riconosce Juncker, “la presidenza italiana ha fatto molto”. Per intenderci, “senza la volontà della presidenza il risultato non sarebbe stato possibile, e ora saremmo in mezzo a una crisi di bilancio di cui avremmo sofferto”.

A Matteo Renzi, a Strasburgo per la chiusura del semestre, Juncker riconosce anche gli sforzi profusi per una nuova visione d’Europa, più espansiva. L’Italia si è contraddistinta in questi mesi per “la volontà di farci avanzare rapidamente in materia di investimenti”, ma al presidente della Commissione europea non sfugge nemmeno “l’approvazione dei testi legislativi per l’unione bancaria”. L’Italia, dovendo sintetizzare, “ha fatto tanto”. In attesa del giudizio sulla legge di stabilità la Commissione Ue promuove l’Italia per quanto fatto nella sua veste di presidenti di turno. “Viva l’Italia!”, grida alla fine del suo intervento Juncker. Un omaggio a Renzi, suo “carissimo amico”.

Cronaca

"Unione Europea della Salute", gli Stati muovono i primi passi e approvano il rafforzamento dell'EMA

I ministri della Sanità approvano il mandato negoziale per un confronto con l'Europarlamento, che inizierà nei prossimi giorni. Nel suo piano presentato a novembre, la Commissione chiede più potere agli Stati per fronteggiare le emergenze sanitarie, dopo che la pandemia da Coronavirus ha evidenziato le carenze di un sistema europeo che non attribuisce all'UE competenze specifiche in materia
L’Est stabilizza la CDU
Opinioni

L’Est stabilizza la CDU

Con Lorenzo Monfregola andiamo a Magdeburgo per un’analisi delle elezioni del Land Sassonia-Anhalt, dove la CDU ottiene un ottimo risultato e riesce a evitare la spallata da parte dell’ultradestra AfD.