Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Certificato Covid Recovery plan Elezioni Germania 2021 Coronavirus Brexit SmartEvent
Gli uccelli protetti dall'Ue se la passano meglio degli altri (ma non quando migrano)
Una famiglia di cicogne

Gli uccelli protetti dall'Ue se la passano meglio degli altri (ma non quando migrano)

Bruxelles – Gli uccelli con i livelli di protezione più alti offerti dal diritto europeo se la passano meglio di altre specie, sostiene uno un studio del giornale Conservation Letters. Lo studio ha trovato che gli uccelli etichettati come specie “Allegato 1” della Direttiva Uccelli, che richiedono ai governi di realizzare azioni per proteggerli, hanno più probabilità di vedere la propria popolazione in aumento rispetto a quelli che non sono compresi nella lista.

La ricerca è stata condotta dal RSPB, BirdLife International e l’università di Durham, che hanno scoperto che l’impatto positivo della direttiva c’è sia nel breve sia nel lungo termine, e gli uccelli minacciati sono più sicuri nei paesi che sono Stati membri dell’Ue da più tempo. Tuttavia i migratori su lunghe distanze non beneficiano notevolmente dalla protezione, il che indica che hanno avuto problemi lungo la loro strada migratoria o nelle aree di svernamento africane, neutralizzando lo sforzo europeo.

 La ricerca esce proprio mentre la Commissione europea ha avviato una revisione delle direttive su uccelli e ambiente. Gli ambientalisti hanno paura che questo lavoro sulla legislazione che protegge la fauna selvatica dal 1979 possa indebolire le regole, a casa di chi vede questa legislazione, a loro giudizio erroneamente, come un blocco per la crescita, e sostengono che la revisione “è la singola minaccia più grande” alla natura europea in questa generazione.

COVID, la Commissione propone un 'capo epidemiologo' europeo per migliorare la risposta alle future crisi sanitarie
Cronaca

COVID, la Commissione propone un 'capo epidemiologo' europeo per migliorare la risposta alle future crisi sanitarie

Oltre un anno dopo lo scoppio della pandemia in Europa, l'Esecutivo dettaglia in una comunicazione le 'dieci lezioni' da trarre dalla crisi sanitaria tra cui la necessità di dare all'UE il potere di decretare uno stato di emergenza pandemico a livello europeo. Entro fine anno la proposta di un capo epidemiologo europeo per rafforzare la risposta europea alle crisi e un nuovo sistema europeo di raccolta di informazioni sulla pandemia
Cronaca

"Unione Europea della Salute", gli Stati muovono i primi passi e approvano il rafforzamento dell'EMA

I ministri della Sanità approvano il mandato negoziale per un confronto con l'Europarlamento, che inizierà nei prossimi giorni. Nel suo piano presentato a novembre, la Commissione chiede più potere agli Stati per fronteggiare le emergenze sanitarie, dopo che la pandemia da Coronavirus ha evidenziato le carenze di un sistema europeo che non attribuisce all'UE competenze specifiche in materia