Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Certificato Covid Recovery plan Elezioni Germania 2021 Coronavirus Brexit SmartEvent
Debunking CETA, tutte le bugie sull’accordo

Debunking CETA, tutte le bugie sull’accordo

di Stop TTIP Italia 

All’avvio dei negoziati bilaterali nel 2009 le istituzioni europee e canadesi reputavano il CETA un accordo commerciale la cui approvazione e ratifica non avrebbe incontrato ostacoli. Oggi quell’accordo è nel mirino di una vasta coalizione formata da organizzazioni per la giustizia sociale, ambientalisti, sindacati, associazioni di produttori, agricoltori, che considerano il CETA una minaccia per la democrazie e l’economia.

Oggi martedì 25 luglio il Senato italiano ha intenzione di ratificare il CETA. Le organizzazioni della Campagna Stop TTIP Italia ritengono questa accelerazione intollerabile e ingiusta. Contro il CETA si sono espresse anche numerose Regioni, votando delibere contrarie e chiedendo al Senato di fermare il processo. Lazio, Lombardia, Liguria, Veneto, Puglia, Calabria, Marche e Valle d’Aosta, oltre a centinaia di Comuni, hanno intimato al Parlamento di aprire una consultazione ampia sugli effetti del trattato.

La campagna Stop TTIP ha promosso perciò una mobilitazione e ha diffuso un dossier, Debunking CETA: manuale di sopravvivenza alla disinformazione sull’accordo UE-Canada, in cui affronta e smentisce punto per punto le affermazioni e le stime sul CETA.

Scarica qui il dossier Debunking CETA 

 

Eppur si muove: la governance globale delle migrazioni
Oneuro

Eppur si muove: la governance globale delle migrazioni

[di Andrea Cofelice] Negli ultimi anni l’aumento della complessità e dell’ordine di grandezza degli spostamenti di popolazione ha imposto interrogativi sull’adeguatezza degli strumenti nazionali e internazionali preposti a gestire le sfide legate a un fenomeno che, ormai da tempo, ha assunto caratteri strutturali.
A pagare la crisi sono i più poveri
Oneuro

A pagare la crisi sono i più poveri

[di Enzo Valentini e Mauro Gallegati] In Italia, nel 2008, il 10% più ricco della popolazione si accaparrava il 14.8% del reddito, un valore cresciuto fino al 15.1% nel 2015. Al contrario, la quota posseduta dal 20% più povero è passata dal 4.8% al 4.6%.