HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
'Stato di inganno: il potere della propaganda nazista' in mostra a Bruxelles
State of Deception:The Power of Nazi Propaganda, mostra sulla propaganda nazista al Parlamentarium di Bruxelles

'Stato di inganno: il potere della propaganda nazista' in mostra a Bruxelles

Nel tempo delle fake news, l'esposizione sulla propaganda hitleriana sarà aperta al pubblico negli spazi del Parlamentarium di Bruxelles dal 25 gennaio al 13 maggio

Bruxelles – Le fake news hanno una storia antica. Nel secolo scorso un grande utilizzatore di questo strumento di propaganda e contro-informazione fu Adolf Hitler, che lo utilizzò per conquistare e mantenere il potere. Come fece? Il 25 gennaio, Giornata universale della memoria per le vittime dell’Olocausto, a Bruxelles allo spazio espositivo “Parlamentarium” del Parlamento europeo, sarà inaugurata la mostra  ‘Stato d’inganno: Il potere della propaganda nazista‘ (aperta fino al 13 maggio) proprio per spiegare cosa e come successe.

L’esposizione itinerante, che arriva dal Museo dell’Olocausto degli Stati Uniti a Washington dopo aver girato diverse città europee, si propone di raccontare in dettaglio come Adolf Hitler abbia manipolato l’opinione pubblica per distruggere la democrazia e istituire una crudele dittatura che ha portato al genocidio degli ebrei.

Il curatore Steven Luckert, ha voluto esaminare in che modo i nazisti hanno usato la propaganda per ottenere un ampio sostegno elettorale nella giovane democrazia tedesca dopo la prima guerra mondiale, come hanno implementato i programmi radicali sotto la dittatura del partito negli anni ’30 e come sono riusciti a giustificare la guerra e le deportazioni. L’ intento di Luckert è sfidare i cittadini a mettere in discussione, analizzare e cercare attivamente la verità. Sviluppare il senso critico dei cittadini attraverso la cultura, avvicinandoli alla memoria storica, è l’arma degli intellettuali, delle istituzioni, degli artisti, e dei giornalisti, per fermare la proliferazione delle bufale in rete e la svalutazione della conoscenza.

ARTICOLI CORRELATI