HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Catalogna, Puidgemont designato presidente dal capo del Parlamento
Carles Puigdemont questa mattina al suo arrivo in Danimarca

Catalogna, Puidgemont designato presidente dal capo del Parlamento

Il leader dell'indipendentismo catalano si trova in Danimarca dove incontrerà degli studenti universitari e dei politici

Bruxelles – Come previsto il presidente del Parlamento Catalano Roger Torrent ha lanciato Carles Puidgemont come candidato designato per la presidenza catalana e ha chiesto un incontro con il premier spagnolo Mariano Rajoy.

Carles Puidgemont, dopo essere stato destituito come presidente della regione Catalogna per aver legittimato il referendum illegale in cui aveva vinto la causa indipendentista ed essere scappato a Bruxelles per evitare l’arresto, ha per la prima volta lasciato il Belgio e si trova in questo momento in Danimarca, dove incontrerà degli studenti e dei politici. È prevista una sua conferenza nel pomeriggio, alle 14.00.

Si tratta del primo viaggio del leader degli indipendentisti catalani durante l’esilio. I pubblici ministeri spagnoli hanno già fatto richiesta (subito respinta dal gip) alla Corte suprema di Copenaghen per riattivare il mandato di arresto internazionale per l’ex presidente della Catalogna, mandato che a dicembre un giudice spagnolo aveva lasciato cadere a causa di una discrepanza tra la legge spagnola e la legge belga che limiterebbe le accuse in base alle quali Puigdemont potrebbe essere estradato e quindi essere accusato al suo ritorno. In Danimarca invece il mandato di arresto avrebbe potuto essere eseguito anche se, a differenza che in Belgio, nella sua legislazione non è previsto il reato per il quale la Spagna chiede l’arresto. Sarebbero state anche più complicate le procedure per una opposizione dei legali di Puidgemont. Ma il gip del Tribunale Supremo di Madrid Pablo Llarena, che già in dicembre cancellò il mandato di arresto europeo, ha respinto la richiesta della procura di firmarne uno nuovo.

 

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri
Politica

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri

Il commissario Ue per la Giustizia, Didier Reynders, ha presentato la proposta per armonizzare le norme "a tutela dei diritti dei minori" nelle famiglie in situazioni transfrontaliere: se uno Stato membro stabilisce la genitorialità, tutti gli altri Paesi Ue dovranno riconoscerla, a prescindere dall'orientamento sessuale dei genitori e dal modo in cui viene concepito il figlio