HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Avvocato della famiglia di Daphne Caruana Galizia accusa: Commissione Ue 'sorda'
Daphne Caruana Galizia, la giornalista assassinata a Malta

Avvocato della famiglia di Daphne Caruana Galizia accusa: Commissione Ue 'sorda'

"Ha deciso di chiudere occhi ed orecchie, non ha fatto praticamente niente". Ringrazia invece Tajani e il Parlamento europeo

Strasburgo – Accuse dirette alla Commissione europea per il mancato sostegno e parole di ringraziamento al Parlamento Europeo. Jason Azzopardi, l’avvocato della famiglia della giornalista maltese Daphne Caruana Galizia, uccisa ad ottobre da un’autobomba mentre indagava su un giro di tangenti, fa un netta distinzione sulla reazione delle istituzioni europee alla vicenda. “La Commissione – ha detto l’avvocato all’ANSA – ha preso le cose alla leggera anche se negli ultimi mesi, e prima dell’uccisione della giornalista, avevamo informato l’esecutivo europeo della corruzione istituzionalizzata, in particolare nella vendita dei passaporti”. Ma “la Commissione ha deciso di chiudere occhi ed orecchie, non ha fatto praticamente niente”, ha aggiunto il legale, dicendosi “triste e deluso dal non-sostegno” di Bruxelles.

Azzopardi ha espresso invece “sincera gratitudine e “apprezzamento per il sostegno che il Presidente Tajani e tutti gli schieramenti politici del Parlamento europeo hanno dato a Malta”dopo l’assassinio della reporter.

ARTICOLI CORRELATI

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri
Politica

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri

Il commissario Ue per la Giustizia, Didier Reynders, ha presentato la proposta per armonizzare le norme "a tutela dei diritti dei minori" nelle famiglie in situazioni transfrontaliere: se uno Stato membro stabilisce la genitorialità, tutti gli altri Paesi Ue dovranno riconoscerla, a prescindere dall'orientamento sessuale dei genitori e dal modo in cui viene concepito il figlio