Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Certificato Covid Recovery plan Elezioni Germania 2021 Coronavirus Brexit SmartEvent
Privacy, il consenso al trattamento dei dati personali si può dare a 16 anni

Privacy, il consenso al trattamento dei dati personali si può dare a 16 anni

Roma – In Italia l’età minima per esprimere il consenso all’utilizzo dei propri dati personali è 16 anni. È l’orientamento espresso dall’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza (Agia), guidata da Filomena Albano, in un parere inviato al governo nell’ambito dell’adeguamento alla normativa dell’Unione europea. L’esecutivo ne terrà conto nel decreto legislativo da emanare per conformare la legge italiana a quanto prescritto dal regolamento Ue sulla privacy (Gdpr), che entrerà in vigore il 25 maggio prossimo.

La norma comunitaria fissa proprio a 16 anni l’età minima per esprimere, senza bisogno dell’assistenza di un genitore o di un legale rappresentante, il consenso al trattamento dei propri dati personali che si fornisce, ad esempio, iscrivendosi ai social network, scaricando app per smartphone o utilizzando altri servizi digitali. Agli stati membri viene però consentito di abbassare tale soglia, a patto di non scendere sotto i 13 anni. Un’opportunità di cui l’Italia, se l’esecutivo recepirà l’orientamento della garante, non si avvarrà.

“Non è opportuno abbassare la soglia dei 16 anni prevista dal Regolamento”, ammonisce Albano. “I diritti di ascolto, partecipazione, espressione e quello di essere parte della vita culturale e artistica del Paese, previsti dalla Convenzione internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, devono dar vita a una ‘partecipazione leggera’ dei minorenni”, ritiene la titolare dell’Agia. A suo avviso quella partecipazione non deve essere “gravata da pesi e responsabilità che competono, da una parte, a chi esercita la responsabilità genitoriale e, dall’altra, ai contesti educativi e istituzionali nei quali sono inseriti i ragazzi”.

Sono proprio le carenze su quest’ultimo punto a ostacolare la possibilità di abbassare la soglia, secondo Albano. Dal momento che “non si registra una diffusione capillare di programmi educativi tarati specificatamente sulla ‘consapevolezza digitale’”, è la tesi della garante, bisogna “che le agenzie educative e le istituzioni predispongano e attuino un programma in tal senso, accompagnato da uno studio sulla necessaria consapevolezza digitale da parte delle persone di minore età”. Senza questi interventi “non è possibile immaginare una soglia per il consenso autonomo dei minorenni più bassa di quella stabilita a 16 anni a livello europeo”.

Nel parere dell’Agia figura anche la richiesta che le informative sul trattamento dei dati personali siano scritte in un linguaggio comprensibile ai minorenni, e che i loro dati personali vengano trattati solo con lo scopo di tutelarne i diritti e non per finalità di marketing.

ARTICOLI CORRELATI

COVID, la Commissione propone un 'capo epidemiologo' europeo per migliorare la risposta alle future crisi sanitarie
Cronaca

COVID, la Commissione propone un 'capo epidemiologo' europeo per migliorare la risposta alle future crisi sanitarie

Oltre un anno dopo lo scoppio della pandemia in Europa, l'Esecutivo dettaglia in una comunicazione le 'dieci lezioni' da trarre dalla crisi sanitaria tra cui la necessità di dare all'UE il potere di decretare uno stato di emergenza pandemico a livello europeo. Entro fine anno la proposta di un capo epidemiologo europeo per rafforzare la risposta europea alle crisi e un nuovo sistema europeo di raccolta di informazioni sulla pandemia
Cronaca

"Unione Europea della Salute", gli Stati muovono i primi passi e approvano il rafforzamento dell'EMA

I ministri della Sanità approvano il mandato negoziale per un confronto con l'Europarlamento, che inizierà nei prossimi giorni. Nel suo piano presentato a novembre, la Commissione chiede più potere agli Stati per fronteggiare le emergenze sanitarie, dopo che la pandemia da Coronavirus ha evidenziato le carenze di un sistema europeo che non attribuisce all'UE competenze specifiche in materia