HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Da segretario generale della Nato a
Anders Fogh Rasmussen "testimonial" per un'offerta di lavoro

Da segretario generale della Nato a "testimonial" per direttore d'hotel

Un sito prende un'immagine di Anders Fogh Rasmussen e la usa per pubblicizzare un'offerta di lavoro

Bruxelles – Si sa, lavorare ai tempi di internet è complicato, la velocità della comunicazione, la competizione, spingono a muoversi in fretta. Alle volte senza verificare le fonti. E così succede che un’ex premier europeo, ex segretario generale della Nato, finisca inconsapevolmente per diventare il “testimonial” di un sito che raccoglie offerte di lavoro.

Anders Fogh Rasmussen è un signore certamente molto elegante, si muove con “classe” come dicono nei telefim americani. Veste bene, ha una bella presenza, autorevole ma dallo sguardo amichevole. Dunque la sua immagine deve essere sembrata perfetta ai curatori di un sito di offerte di lavoro per rappresentare l’icona del perfetto direttore di hotel. Abito grigio gessato, cravatta dal nodo, un po’ banale, ma perfetto, un maitre d’hotel intento a studiare i conti di una camera di signori altrettanto distinti, avrà pensato chi ha scelto la foto.

Invece no, qual signore della foto non è un modello, non è un direttore d’albergo che lavora per offrire il meglio ai suoi clienti, ma è l’ex premier danese (lo è stato per quasi otto anni) nel suo primo giorno al Quartier generale della Nato a Bruxelles  (dove fu il capo dal 2009 al 2014) immortalato in una di quelle foto offerte dal sito dell’Alleanza atlantica per farne un “book” destinato ai giornalisti.

Carriere in discesa in politica se ne son viste tante, ma da capo della più grande alleanza militare del Mondo a testimonial per un’offerta di lavoro il passo è davvero unico!.. Oppure lui lo sapeva?

Ecco un estratto dalla pagina generale delle offerte di lavoro:

Ecco la foto originale, con la sua didascalia:

New Secretary General, Anders Fogh Rasmussen sits at his desk for the first time