HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Disoccupazione giovanile, nella top-ten Ue delle peggiori performance 3 regioni italiane

Disoccupazione giovanile, nella top-ten Ue delle peggiori performance 3 regioni italiane

I dati Eurostat certificano le difficoltà di Calabria, Campania e Sicilia, dove si registrano le stesse realtà delle regioni ultra-periferiche e d'oltre mare di Spagna e Francia

Bruxelles – L’Italia delle regioni è indietro. Non offre alcun esempio di eccellenza in termini di lavori, ma al contrario figura nella top-ten delle peggiori performance. I dati Eurostat sulla disoccupazione regionale inchioda il sistema Paese davanti alle proprie lacune e, di conseguenza, alle proprie responsabilità.

Ci sono tante particolare classifiche. Quella delle regione col minore e maggiore tasso di disoccupazione generale. Qui dell’Italia nessuna notizia. Ma nella lista delle regioni a più alto e più basso tasso di disoccupazione giovanile, l’Italia ha tre delle dieci maglie nere d’Europa. Calabria (55,6% degli under 25), Campania (54,7%) e Sicilia (52,9%) sono rispettivamente la quinta, la settima e la decima regione dell’Ue per quantità di giovani senza lavoro. Le regioni del Mezzogiorno sono allo stesso livello delle regioni ultra-periferiche di Spagna (Ceuta e Melilla, anch’esse nella top-ten delle regioni con alta disoccupazione giovanile) e Francia (Mayotte e Guadalupe). Non certo un bel biglietto da visita per territori, quelli del sud Italia, che hanno percepito e continuano a percepire soldi comunitari per lo sviluppo regionale.

Ma non finisce qui, perché un’altra regione italiana fa parlare di sé per le performance negative. Il Molise è tra le peggiori dieci regioni dell’Ue in termini di disoccupazione di lungo periodo: il 72,8% dei molisani senza un impiego è fuori dal mercato del lavoro da un anno o più. Anche in questo a fare compagnia alla regione italiano sono i territori ultra-periferici di Francia (Guyana, Mayotte e Guadalupe), e alle regioni più povere della Grecia.

Stretta Ue sugli imballaggi, la Commissione propone obiettivi di riuso per ridurre i rifiuti e rassicura l'Italia:
Economia

Stretta Ue sugli imballaggi, la Commissione propone obiettivi di riuso per ridurre i rifiuti e rassicura l'Italia: "Molto è stato fatto, ma vogliamo di più"

Nel quadro del pacchetto sull'economia circolare, la Commissione propone la controversa revisione della direttiva imballaggi che ha destato preoccupazione in Italia. Il vice presidente Timmermans in italiano chiarisce che “nessuno vuole mettere fine alle pratiche di riciclo che funzionano bene o mettere in pericolo gli investimenti”