Per rimandare indietro un richiedente asilo serve il consenso del Paese che lo ha in carico

print mail facebook twitter

La Corte di giustizia europea dà ragione a un richiedente asilo iracheno, che si è opposto alla decisione francese di rispedirlo in Germania dove aveva fatto richiesta, ma senza attendere il consenso di Berlino

ARTICOLI CORRELATI

    TUTTI i post di: Caterina Tani

    Visualizza altri post
    LOADING
    LASCIA UN TUO COMMENTO