HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Tim Höttges: Fare del digitale il cuore dell'identità europea
Tim Höttges

Tim Höttges: Fare del digitale il cuore dell'identità europea

Intervento del Ceo di Deutsche Telekom su Les Echos "abbiamo i mezzi per vincere un round importante: l'Internet delle cose"

Bruxelles – In un’Europa in crisi, alla ricerca di un significato, tentata dal ritiro nazionalista, assicurare il futuro digitale del nostro continente è forse il modo migliore per superare i nostri dubbi esistenziali. Per il Ceo di Deutsche Telekom Tim Höttges “dobbiamo cambiare il nostro approccio e considerare l’Europa come un’entità digitale”. “Siamo in ritardo nella corsa per le grandi piattaforme di trading online”, scrive in un articolo pubblicato dal maggior quotidiano economico francese, Les Echos, “ma abbiamo ancora i mezzi per vincere un round più importante: l’Internet delle cose”.

Populismo, declino del libero commercio … L’Europa è in crisi. Una crisi che sfida le fondamenta stesse dell’Unione. Come superarla? Come sarà l’Europa di domani? Come molti, mi pongo queste domande come cittadino e come leader di una delle principali aziende europee. E io sono ottimista: l’Europa è una comunità di valori. I nostri diritti fondamentali sono il nostro orgoglio. Jacques Delors, ex presidente della Commissione europea, pensava che l’Europa sarebbe stata sociale o non sarebbe stata. Aggiungerò: l’Europa sarà democratica o non lo sarà; L’Europa sarà uno stato di diritto o non lo sarà; L’Europa sarà unita o non lo sarà. Il nostro modello sociale si basa sulla convinzione che questi diversi aspetti non sono contraddittori, ma sono una garanzia della nostra prosperità, l’Europa è anche una comunità economica. Uno spazio che è in competizione sempre più feroce con il Nord America e l’Asia non deve ignorare la sua forza invece di lamentarsi delle sue debolezze. L’economia europea è forte e oggi rappresenta il 16% delle esportazioni mondiali, appena dietro la Cina (17%) ma davanti agli Stati Uniti (12%). Il nostro modello di business è il miglior garante del nostro futuro successo. Siamo in ritardo nella corsa per grandi piattaforme di commercio online, ma abbiamo ancora i mezzi per vincere un round più importante: quello dell’Internet delle cose. Per farlo, dobbiamo cambiare il nostro approccio e considerare l’Europa come un’unità digitale.

In tempi di crisi, il benessere portato e distribuito dall’Europa è un cemento più forte della forza centrifuga del ritiro nazionalista. Di questa distribuzione di valori sono responsabili le aziende. Gli impulsi necessari devono quindi venire dall’economia. Sono convinto che la catena del valore di domani non sarà solo orizzontale, ma anche verticale: tra le diverse società dello stesso settore, ma anche da un settore ad un altro Questo è il motivo per cui voto per “l’impresa Europa”. Una società che non è definita dall’unione dei mercati dei capitali, ma dall’intreccio di valori aggiunti, attraverso una cooperazione e una competizione rafforzata. Ciò comporta la creazione di una base normativa comune per l’industria 4.0 e sostengo anche la rivoluzione dell’automazione e del digitale.

Un continente che vuole pagare salari alti deve mostrare una buona produttività. Oggi, troppe poche Pmi sono dotate di robot industriali. E solo il 20% delle aziende europee ha realmente compiuto la svolta digitale. Cosa fa l’Europa per aiutarle? Cosa stanno facendo le politiche per rendere l’Europa il leader digitale? Un continente che ha bisogno di innovare ha anche bisogno di incentivi per innovare. Le società di investimento devono essere ricompensate. L’infrastruttura digitale è altrettanto vitale per l’industria 4.0 come le strade o le ferrovie: in Germania, con un tasso di investimento del 20%, il 90% proviene dal settore privato. Lo Stato contribuisce al 2,1% del Pil. Negli ultimi anni le politiche hanno aumentato la spesa dei consumatori, ma non gli investimenti: la Silicon Valley è un paradiso per gli investimenti privati. La realtà è che la Valley è nata dalla volontà del governo federale degli Stati Uniti, che è stato il suo principale cliente per anni. Ancora oggi, gli Stati Uniti investono miliardi di dollari nella ricerca.

Un’altra trappola: i dibattiti non dovrebbero concentrarsi sul regolamento o sui punti di dettaglio dei trattati, ma ovviamente sugli obiettivi principali che ci devono aiutare a raggiungere. Emmanuel Macron ha ragione quando afferma che l’Europa non dovrebbe essere una burocrazia: in questo contesto, la decisione presa al vertice franco-tedesco di Meseberg di sostenere la ricerca sull’intelligenza artificiale è rassicurante. La Joint European Disruptive Initiative deve promuovere un nuovo approccio al finanziamento della ricerca, che sia più veloce, agile, ambizioso e incentrato su un numero limitato di progetti, oltre all’intelligenza artificiale, l’Ue deve anche posizionarsi in termini di sicurezza informatica, calcolo quantistico, fotonica, nanotecnologia e città connesse. Non domani. Adesso. Garantire il futuro (digitale) del continente è la migliore risposta a coloro che ritengono che l’Europa non li protegga abbastanza.

ARTICOLI CORRELATI

Stretta Ue sugli imballaggi, la Commissione propone obiettivi di riuso per ridurre i rifiuti e rassicura l'Italia:
Economia

Stretta Ue sugli imballaggi, la Commissione propone obiettivi di riuso per ridurre i rifiuti e rassicura l'Italia: "Molto è stato fatto, ma vogliamo di più"

Nel quadro del pacchetto sull'economia circolare, la Commissione propone la controversa revisione della direttiva imballaggi che ha destato preoccupazione in Italia. Il vice presidente Timmermans in italiano chiarisce che “nessuno vuole mettere fine alle pratiche di riciclo che funzionano bene o mettere in pericolo gli investimenti”