Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Certificato Covid Recovery plan Elezioni Germania 2021 Coronavirus Brexit SmartEvent
Fondi europei per lo sviluppo regionale, ecco come potrebbero funzionare in futuro

Fondi europei per lo sviluppo regionale, ecco come potrebbero funzionare in futuro

Bruxelles – Il Parlamento europeo ha adottato delle nuove regole di finanziamento del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) e del Fondo di coesione (FC), per il periodo di programmazione 2021-2027.

I deputati hanno convenuto di destinare una parte significativa del FESR, che è lo strumento principale della politica di coesione e del budget europeo, sulla crescita intelligente e l’economia verde. Nel testo approvato si stabilisce che le regioni dovrebbero spendere almeno dal 30 al 50% dei finanziamenti ricevuti per un’Europa intelligente e innovativa, mentre un altro 30% dovrà essere destinato alla lotta contro il cambiamento climatico e all’economia circolare. Il Fondo di coesione, attualmente a disposizione solo di regioni appartenenti a Paesi in forte ritardo di sviluppo, continuerà ad essere utilizzato prevalentemente per gli investimenti nelle infrastrutture ambientali e di trasporto.

L’allocazione delle risorse solo su base regionale

La gestione dei fondi europei deve tener conto della diversità territoriale, economica e sociale delle regioni europee, che traggono i maggiori benefici dalla politica di coesione. I finanziamenti UE verrebbero pertanto assegnati a livello regionale sulla base del prodotto interno lordo (PIL) pro capite, piuttosto che a livello nazionale e sulla base del rapporto del reddito nazionale lordo, come avvenuto finora. Inoltre, almeno il 10% delle risorse del FESR a livello nazionale dovrebbe essere destinato allo sviluppo urbano sostenibile, rispetto al 6% proposto dalla Commissione.

La proposta legislativa è stata approvata con 475 voti favorevoli, 93 contrari e 53 astensioni.

Dopo il voto, il relatore Andrea Cozzolino (S&D) ha sostenuto che “il voto in plenaria oggi è un risultato molto significativo, raggiunto a larga maggioranza, a sostegno di norme semplificate e migliorate per spendere oltre 270 miliardi di euro nel prossimo periodo di finanziamento. Abbiamo assicurato un ottimo testo per il prossimo Parlamento, come punto di partenza per i prossimi negoziati con gli Stati membri”.

Niente fondi europei per investimenti legati ai combustibili fossili

Inoltre, i deputati chiedono che le infrastrutture aeroportuali, lo smaltimento dei rifiuti e il trattamento dei rifiuti residui, nonché gli investimenti legati ai combustibili fossili, siano esclusi dai finanziamenti regionali dell’UE, con poche eccezioni per le regioni ultra-periferiche, e che le soluzioni siano in linea con i principi dell’economia circolare e dell’efficienza energetica.

Reagendo a questa decisione favorevole alle questioni locali, il segretario generale del Consiglio delle regioni e municipalità europee (CCRE), Frédéric Vallier, ha dichiarato: “Sostenendo una politica di coesione forte e ambiziosa, il Parlamento europeo ha dimostrato grandi responsabilità e intelligente lungimiranza.”

La soddisfazione per l’esito del voto è arrivata anche da più di 40 organizzazioni, tra cui WWF, riunite sotto l’ombrello di Climate Action Network (CAN) Europe che avevano invitato i deputati, con una lettera aperta, ad escludere gli investimenti in combustibili fossili dalle risorse della politica regionale.

Conclusa la prima lettura, sarà il prossimo Parlamento europeo ad avviare, insieme al Consiglio, i negoziati sul finanziamento della futura politica regionale e di coesione.


Questo contributo è stato pubblicato nell'ambito di "Parliamo di Europa", un progetto lanciato da Eunews per dare spazio, senza pregiudizi, a tutti i suoi lettori e non necessariamente riflette la linea editoriale della testata.