HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Tusk ai leader UE: ora fate la vostra parte, la Macedonia del Nord ha già fatto la sua
Donald Tusk e Zoran Zaev oggi in conferenza stampa

Tusk ai leader UE: ora fate la vostra parte, la Macedonia del Nord ha già fatto la sua

Il presidente del Consiglio europeo preme per l'apertura dei negoziati di adesione: "a Bruxelles non vi è alcun dubbio sul vostro impegno politico per lo stato di diritto e per la lotta alla corruzione... sappiamo benissimo che il vostro governo è determinato e coerente in questo"

Bruxelles – Ora tocca all’Unione europea. La Macedonia del Nord “ha fatto tutto” quel che doveva per accedere ai negoziati di adesione all’UE, ora, dopo tanti rinvii, tocca ai leader dei Ventisette fare la loro parte al Consiglio europeo del 16 e 17 ottobre. E’ la determinazione ferma, esplicita, di Donald Tusk, presidente del Consiglio europeo, espressa durante una visita al primo ministro Zoran Zaev oggi a Skopje.

“Gli sforzi del tuo paese negli ultimi anni sono stati notevoli”, ha detto Tusk a Zaev durante la conferenza stampa che ha seguito l’incontro, ricordando il lavoro fatto insieme per affrontare “una delle maggiori crisi migratorie che l’Europa ha dovuto affrontare dalla seconda guerra mondiale”, sottolineando che “il tuo paese ha superato questo test meglio di molti Stati membri dell’UE”. Secondo Tusk la Macedonia del Nord ha anche “trovato una soluzione alla drammatica crisi politica del paese. Una soluzione basata su principi democratici, decenza e buon senso”. Il presidente del Consiglio europeo ha ricordato, tra l’altro, l’accordo di Prespa con la Grecia che ha risolto la questione del nome del paese. “Risultati davvero impressionanti, riconosciuti a livello internazionale e non dovrebbero essere sprecati dall’UE”, ha aggiunto.

Quando i leader dell’UE si sono incontrati al Consiglio europeo di giugno rinviarono ancora la questione dell’adesione, impegnandosi però ad emettere una decisione “chiara e sostanziale” in ottobre sull’apertura dei colloqui formali con Macedonia e Albania.

“Ho espresso chiaramente le mie opinioni personali a giugno – ha ricordato Tusk -: il tuo paese, negli ultimi due anni, ha fatto tutto ciò che ci si aspettava affinché l’UE potesse avviare i negoziati in linea con la raccomandazione della Commissione europea. Questa continua ad essere la mia convinzione forte. Il tuo paese ha fatto tutto”.

Tusk ha poi sostenuto che a Bruxelles non vi è “alcun dubbio sul vostro impegno politico per lo stato di diritto e per la lotta alla corruzione… sappiamo benissimo che il vostro governo è determinato e coerente in questo”.

“Skopje è il posto migliore da dove posso lanciare un appello ai leader dell’Unione Europea: ora fate la vostra parte. Perché la Macedonia del Nord ha già fatto la sua”, ha concluso Tusk.

ARTICOLI CORRELATI

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri
Politica

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri

Il commissario Ue per la Giustizia, Didier Reynders, ha presentato la proposta per armonizzare le norme "a tutela dei diritti dei minori" nelle famiglie in situazioni transfrontaliere: se uno Stato membro stabilisce la genitorialità, tutti gli altri Paesi Ue dovranno riconoscerla, a prescindere dall'orientamento sessuale dei genitori e dal modo in cui viene concepito il figlio