HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Ciolos:
Dacian Ciolos

Ciolos: "Non so dire come voteremo su candidati commissari, eliminare dubbi"

Il capogruppo dei liberali in Parlamento europeo ammette che lo schieramento è diviso. Non piace il nome fornito della Romania, ma gli stessi liberali hanno due personalità tallonate dalla giustizia

Bruxelles – Le vicende giudiziarie che vedono coinvolti i candidati designati agitano la famiglia liberale in Parlamento europeo. Saranno gli europarlamentari a dover decidere se le persone indicate da Ursula von der Leyen per servire nel prossimo esecutivo comunitario sono degne dell’incarico. Si renderanno necessarie audizioni e l’analisi dei conflitti di interesse. Il processo di selezione inizierà il 30 settembre, ma già adesso Renew Europe (RE), il gruppo liberale non sa cosa fare.

“Non so dire come voteranno i membri del nostro gruppo”, ammette Dacian Ciolos nella conferenza tenuta a margine dei lavori d’Aula. Il capogruppo RE sa che all’interno dei liberali non piace il nome di Rovana Plumb, commissaria designata dalla Romania accusata di aver favorito operazioni illecite nel settore immobiliare. Ma votare contro la socialdemocratica vorrebbe dire innescare veti incrociati. Ad essere al centro di accertamenti ci sono anche i liberali Didier Reynder (Belgio) e Sylvie Goulard (Francia), che avranno bisogno dei voti di tutte le parti per essere promossi in Parlamento.

“E’ nell’interesse degli stessi commissari designati fornire spiegazioni e sgombrare il campo da dubbi”, dice Ciolos. E’ vero che prevale la presunzione di non colpevolezza, ma “anche solo il dubbio indebolisce la figura del commissario”. Quindi ben vengano le audizioni. “Il confronto con il Parlamento è l’occasione per fornire risposte e spiegazioni”. Nel caso di Reynders, a cui è stata notificata l’apertura di un fascicolo pochi giorni fa, “sono certo che farà tutto quanto in suo potere per chiarire la sua posizione”.

ARTICOLI CORRELATI

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri
Politica

Figli di coppie gay e adozioni, per la Commissione Ue il legame di genitorialità va riconosciuto in tutti gli Stati membri

Il commissario Ue per la Giustizia, Didier Reynders, ha presentato la proposta per armonizzare le norme "a tutela dei diritti dei minori" nelle famiglie in situazioni transfrontaliere: se uno Stato membro stabilisce la genitorialità, tutti gli altri Paesi Ue dovranno riconoscerla, a prescindere dall'orientamento sessuale dei genitori e dal modo in cui viene concepito il figlio