L’Italia dice ‘no’ ai corridoi turistici, ma nell’Unione prosegue il dialogo sugli accordi bilaterali

print mail facebook twitter

Tra paesi che hanno condizioni simili dal punto di vista epidemiologico. “Non vogliamo correre rischi inutili” sostiene la presidenza croata di turno al Consiglio UE. Franceschini: “Serve un piano d’azione europeo a supporto del settore turistico”

LASCIA UN TUO COMMENTO