HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Horizon 2020, Corte dei Conti UE esamina le misure per ridurre il divario digitale nei Paesi membri

Horizon 2020, Corte dei Conti UE esamina le misure per ridurre il divario digitale nei Paesi membri

Al vaglio dei revisori le azioni della Commissione per sbloccare il potenziale degli Stati a bassa innovazione e affrontare il gap di sviluppo di tecnologie all'avanguardia. Un miliardo di euro a disposizione tra il 2014 e il 2020 per questa "missione di ampliamento", più sinergie con fondi strutturali e di investimento

Bruxelles – La Corte dei conti Europea sta conducendo un audit per valutare l’azione della Commissione UE nel raggiungere l’obiettivo di ridurre il divario digitale nei Paesi membri attraverso il programma Horizon 2020. La riduzione del gap di capacità tra attori pubblici e privati ​​nell’adozione e lo sviluppo di tecnologie all’avanguardia era una delle missioni “di ampliamento” del programma, grazie a una dotazione di un miliardo di euro (su 76,4 complessivi) tra il 2014 e il 2020.

I revisori esamineranno i risultati delle misure volte a sbloccare il potenziale dei Paesi a bassa innovazione, attraverso una più ampia partecipazione ai programmi di finanziamento di ricerca e innovazione (R&I). In particolare, saranno valutate le sinergie con i fondi strutturali e di investimento europei (fondi SIE) e le modifiche proposte per il nuovo quadro finanziario pluriennale (2021-2027).

“Il divario tra leader dell’innovazione e Paesi con prestazioni insufficienti impedisce all’Unione Europea di sfruttare appieno il suo potenziale e minaccia la sua crescita economica, prosperità e stabilità sociale”, ha spiegato Ivana Maletić, membro della Corte dei Conti Europea responsabile dell’audit. “Questa verifica mira a valutare se le azioni della Commissione, nell’ambito di Horizon 2020 e nella promozione delle sinergie con i fondi SIE, abbiano contribuito a ridurre il divario di ricerca e innovazione nell’Unione”.

Diritti di riders e lavoratori digitali, il Parlamento europeo è pronto per i negoziati con i Paesi membri
Digital

Diritti di riders e lavoratori digitali, il Parlamento europeo è pronto per i negoziati con i Paesi membri

Contrastare i "falsi autonomi", arginare il potere decisionale degli algoritmi e obbligare le piattaforme digitali a una maggiore trasparenza. Il Parlamento Ue ha approvato la propria posizione negoziale sulle misure per migliorare le condizioni di lavoro dei Gig workers. La relatrice Gualmini (Pd): "Oggi vincono gli interessi di 28 milioni di lavoratori"