Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Elezioni 2022 Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Nuova PAC, i ministri UE insistono sulla

Nuova PAC, i ministri UE insistono sulla "flessibilità" nella valutazione dei piani strategici

Si avvicina la resa dei conti sulla riforma della Politica agricola comune che entrerà in vigore da gennaio 2023, ma rimangono differenze sostanziali tra Parlamento e Consiglio. Venerdì super trilogo per far avanzare i negoziati, la presidenza di turno del Portogallo rimane ottimista su un accordo al più tardi entro giugno

Si avvicina la resa dei conti sulla riforma della Politica agricola comune che entrerà in vigore da gennaio 2023, ma rimangono differenze sostanziali tra Parlamento e Consiglio. Venerdì super trilogo per far avanzare i negoziati, la presidenza di turno del Portogallo rimane ottimista su un accordo al più tardi entro giugno
L'accesso agli articoli è riservato agli utenti iscritti o abbonati
ISCRIVITI o ABBONATI
Sei già iscritto o abbonato? Effettua il login

ARTICOLI CORRELATI

PAC e acque europee: per l'Agenzia Ue dell'ambiente servono misure più ambiziose per ridurre la pressione agricola
Agricoltura

PAC e acque europee: per l'Agenzia Ue dell'ambiente servono misure più ambiziose per ridurre la pressione agricola

Lo stato delle acque superficiali e sotterranee dell'Europa non è buono e quello dei mari regionali europei è addirittura "allarmante". Pratiche di gestione agricola più sostenibili, basate su principi agroecologici e di agricoltura bio, possono ridurre le pressioni dovute all'inquinamento da fertilizzanti e pesticidi, all'estrazione dell'acqua o al drenaggio del terreno
Bruxelles mette in pausa la rotazione delle colture per aumentare la produzione di cereali
Agricoltura

Bruxelles mette in pausa la rotazione delle colture per aumentare la produzione di cereali

Adottata la deroga temporanea alle norme sulla rotazione delle colture e sul mantenimento di elementi non produttivi sui terreni coltivabili per aumentare la capacità produttiva dell'Ue per i cereali destinati ai prodotti alimentari. Bruxelles stima di poter riportare in produzione 1,5 milioni di ettari rispetto ad oggi, gli Stati e gli agricoltori potranno decidere se farvi ricorso