Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / HGE8 Certificato Covid Recovery plan Elezioni Germania 2021 Coronavirus Brexit SmartEvent
Come funziona la VAR

Come funziona la VAR

L’introduzione della VAR, acronimo di Video Assistant Referee, ha letteralmente stravolto il mondo del calcio. Se prima tutte le decisioni venivano affidate agli arbitri, la “moviola” ha permesso di dare maggiore supporto a quest’ultimi con la possibilità di valutazioni molto più accurate rispetto a interventi dubbi o casi limite.

La VAR è ancora oggi bersaglio di molte critiche, soprattutto perché in alcuni casi continua a non segnalare evidenti falli o altri casi degni di attenzione. Tuttavia, è innegabile che abbia risolto molti problemi nel mondo del calcio e in particolare per l’arbitraggio. Le migliori app per scommesse permettono di giocare proprio sul possibile intervento o meno del VAR, che ormai è un qualcosa di standard in ogni partita.

Vediamo come funziona la VAR in tutti i suoi aspetti.

VAR: ecco i dettagli sul funzionamento

Invece di una sola persona, un team di tre persone lavora insieme alla VAR per rivedere le decisioni prese dall’arbitro principale. Lo fanno guardando le riprese video degli eventi rilevanti. La squadra è composta dal principale assistente arbitro video, che è tipicamente un arbitro attuale o precedente, il suo assistente e un operatore di replay. Si trovano in una sala video che contiene vari monitor, e che mostrano diverse angolazioni della telecamera.

Il VAR può essere utilizzato per rivedere quattro tipi di decisione: goal e violazioni che li precedono, cartellini rossi, penalità e scambio di identità quando si assegna un cartellino. In alcuni casi, una decisione presa dall’arbitro principale può essere ribaltata; tuttavia, deve essere un “errore evidente” affinché ciò accada.

In genere, il processo di revisione di una decisione funziona in due modi: o il team VAR può raccomandare una revisione, oppure l’arbitro principale può richiedere una revisione dopo aver preso una decisione. Nella prima situazione, se il VAR decide che è stato commesso un errore evidente, deve avvisare l’arbitro principale.

Una volta che ciò è accaduto, l’arbitro ha tre opzioni: può immediatamente ribaltare la decisione in base al consiglio del VAR, attenersi alla decisione iniziale o rivedere l’evento su un monitor a lato del campo.

Quando può venire usata?

Come accennato in precedenza, ci sono quattro situazioni in cui il VAR può essere utilizzato nel gioco. Il primo è per i goal e le infrazioni che portano al goal, il secondo è per le decisioni di penalità di fuorigioco e gli eventi che precedono la penalità, il terzo è per i cartellini rossi diretti e il quarto è l’identità errata di un giocatore.

In sostanza, tutti i potenziali falli al di fuori dell’area di rigore non saranno esaminati a meno che non siano in fase di preparazione di un goal o di una decisione di rigore o siano degni di un cartellino rosso.

blog