Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Certificato Covid Recovery plan Elezioni Germania 2021 Coronavirus Brexit SmartEvent
Union Saint Gilloise, il ritorno in serie A è festa grande: 1-3 nel derby di Bruxelles

Union Saint Gilloise, il ritorno in serie A è festa grande: 1-3 nel derby di Bruxelles

Bruxelles – Deniz Undav e Jean Thierry Lazare Amani. Nomi fino a oggi sconosciuto e da oggi consegnati alla storia, quella del calcio belga. Sono loro due a decidere il derby di Bruxelles, e consegnare all’Union Saint Gilloise la prima vittoria in massima serie dopo 48 anni, con una vittoria in casa dell’Anderlecht che mancava da 50 anni esatti. L’Union Saint Gilloise, per il suo ritorno in serie A, si regala il miglior debutto possibile: 1-3 nella partita stracittadina. Decidono i gol di Undav (20′ e 62′) e Amani (73′). Il pareggio dei padroni di casa, allo scadere del primo tempo, serve a poco.

La squadra soffre, subisce spesso il contropiede dell’Anderlecht (il pareggio di Verschaeren si materializza così), ma riesce a contenere la spinta offensiva dei padroni di casa. Qualche sbavatura, specie in fase difensiva, ma la capacità di sfruttare gli errori dell’avversario. Il gol del momentaneo 1-2, che vale il nuovo vantaggio, nasce da un disimpegnato errato della retroguardia dei padroni di casa. Retropassaggio errato di Murillo intercettato da Vanzeir, cross a filo d’erba ad attraversare tutta l’area di rigore, e tap-in vincente di Undav. Cinismo e pragmatismo. Un episodio che dimostra la mentalità trasmessa da un tecnico che continua a far parlare di sé. Il gol del definitivo 1-3 (gran tiro a giro di Amani sul secondo palo, alla destra del portiere), è la ciliegina sulla torta fatta di gioco, determinazione e spessore tecnico.

Felice Mazzù continua a far cantare e sognare il popolo di Saint-Gilles. L’allenatore che ha riportato la terza squadra del Belgio per numero di titoli nazionali conquistati ai vertici del calcio del regno, riparte da dove aveva lasciato: la vittoria. Il club la celebra con un hashtag coniato per l’occasione: “L’orgoglio di Bruxelles”. Un riferimento esplicito alla rivalità cittadina tra squadre e tifoserie, vicine (i due comuni sono confinanti tra loro) ma divise sportivamente.

Al Parvis di Saint-Gilles, cuore della municipalità, i tifosi si sono ritrovati per seguire le gesta dei loro beniamini. La brasserie dell’Union, il cafè la Louvre e la brasserie Verschueren, ritrovi del tifo unionista, sono stati riempiti da tifosi festanti. In un altro giorno di piogge, l’Union Saint-Gilloise ha rischiarato per un attimo il cielo di una parte della capitale belga.

ARTICOLI CORRELATI