Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina NATO Coronavirus Recovery plan Conferenza Futuro Allargamento UE
Il grillino Borrelli co-presidente del gruppo con Farage: ma Ukip e M5S saranno coppia aperta
David Borrelli e Nigel Farage ai bei tempi della nascita del gruppo comune

Il grillino Borrelli co-presidente del gruppo con Farage: ma Ukip e M5S saranno coppia aperta

Nella nuova coalizione, che si chiamerà Europa della libertà e della democrazia diretta, ognuno potrà votare liberamente. Farage: "Italiani avranno ruoli attivi nelle commissioni". Si spera di allargare il gruppo "entro Natale" con fuoriusciti dal gruppo dei conservatori

Il primo passo è la co-presidenza del gruppo che sarà guidato, insieme, da Nigel Farage dell’Ukip e da Davide Borrelli del Movimento 5 Stelle. Ma si tratta soltanto di un primo simbolico gesto: poi, anche nel corso della legislatura, i deputati grillini avranno un ruolo chiave all’interno della coalizione euroscettica al Parlamento europeo. Ad assicurarlo è lo stesso leader indipendentista britannico che oggi ha presentato, insieme agli altri capi delegazione, il gruppo nato dalle ceneri dell’ex Efd, a margine della loro prima riunione. “Non è stato facile farlo nascere – ha ammesso Farage – Ma siamo molto uniti e porteremo in Europa la voce dell’euroscetticismo. Saremo una forza politica unita e coerente”.

L’impronta grillina è visibile già dal nome. Come richiesto dai pentastellati, il vecchio “Europa delle libertà e della democrazia” lascerà il nome a: “Europa delle libertà e della democrazia diretta” (Efdd), mettendo subito in evidenza un concetto caro ai Cinque stelle. Poi arriveranno anche i ruoli politici e istituzionali: “Molti membri di questo gruppo giocheranno un ruolo attivo nelle commissioni, come vicepresidenti o coordinatori”. Tra questi in particolare gli italiani che “prenderanno molto seriamente il lavoro nelle commissioni”, spiega Farage che assicura che l’Ukip è pronta a fare un passo indietro: “Svolgerà un ruolo meno attivo per lasciare un ruolo molto più grande alla delegazione del M5S e alle altre delegazioni”.

Restano, come noto, differenze ideologiche forti tra Ukip e Movimento 5 Stelle, specialmente sulle questioni ambientali. Ma le delegazioni assicurano che lo spirito euroscettico, o meglio “eurocritico”, sarà un collante sufficiente. Su tutto il resto ognuno voterà secondo coscienza, come stabilisce anche lo statuto del nuovo gruppo in cui si legge: “Il gruppo rispetta la libertà delle sue delegazioni e dei suoi membri di votare come ritengono”. “Siamo perfettamente liberi di esporre la nostra opinione su ogni tematica”, ribadisce Borrelli e “voteremo a favore di tutto ciò che va a favore dei cittadini da qualsiasi parte la proposta arrivi. È quello che abbiamo sempre fatto, a partire dai consigli comunali e la nostra politica non è mai cambiata”.

Per il momento il gruppo conta quarantotto deputati di sette Paesi membri (oltre a Ukip e M5S anche i lettoni dell’Unione dei Verdi e degli Agricoltori, i cechi del Partito dei liberi cittadini e i lituani di Ordine e giustizia), ma la speranza è di riuscire a ingrossare le file di Efdd “prima di Natale”. L’obiettivo non sono i deputati che non sono riusciti a formare un gruppo con Le Pen, per cui le porte rimangono chiuse affermano, ma piuttosto i componenti dell’attuale Ecr, lo schieramento conservatorem un gruppo oggi molto numeroso e in cui per Farage “ci sono forti contraddizioni politiche” che potrebbero portare ad alcune defezioni di deputati che “non si sentono a loro agio”.

Per saperne di più:
– Scarica lo statuto del gruppo Efdd

Dal bando al petrolio russo al 'price-cap' sul gas, il vertice dei leader Ue rischia di chiudersi in un nulla di fatto
Politica

Dal bando al petrolio russo al 'price-cap' sul gas, il vertice dei leader Ue rischia di chiudersi in un nulla di fatto

Dai finanziamenti al piano 'REPowerEu' per l’indipendenza dall’energia russa al tetto al prezzo del gas, passando per l'embargo che l'UE vuole imporre al petrolio in arrivo da Mosca. I capi di Stato e governo si incontreranno a Bruxelles il 30-31 maggio in un Consiglio europeo straordinario che si risolverà in poche decisioni concrete