Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Coronavirus Recovery plan Conferenza Futuro Allargamento UE
Arriva a Roma la lettera sulla manovra ed è più dura del previsto

Arriva a Roma la lettera sulla manovra ed è più dura del previsto

Katainen scrive a Padoan e chiede chiarimenti su due punti centrali della manovra italiana

Secondo la nostra analisi preliminare, “l’Italia pianifica una deviazione significativa rispetto al percorso di aggiustamento richiesto verso il suo obiettivo di medio termine”. Vorrei sapere “come l’Italia può assicurare il pieno rispetto degli obiettivi fissati dal Patto di stabilità e crescita per il 2015”. Sono questi i punti salienti della lettera inviata a Roma dal Commissario agli Affari economici, Jyrki Katainen per chiedere chiarimenti sulla legge di stabilità italiana. Il governo dovrebbe rispondere, se possibile, entro domani.

Leggi il testo completo della lettera

“La Commissione ha chiesto all’Italia informazioni aggiuntive che ne chiariscano le ragioni e i presupposti”, commenta la missiva il Ministero dell’Economia. “Gli uffici tecnici del Ministero – si legge in una nota – sono già in contatto con la direzione ECFIN a Bruxelles, così come il Governo italiano è in contatto con la Commissione europea. Il Governo italiano risponderà alla richiesta di chiarimento entro domani”.

“Con la lettera della Commissione si apre un procedimento articolato non risolvibile in un giorno o una settimana, ma siamo convinti di aver fatto cose buone e giuste per l’Italia”, così  il ministro dell’Interno Angelino Alfano entrando al vertice Ppe a Bruxelles, sulla lettera inviata dalla Commissione europea al ministro dell’economia Padoan. “L’Italia farà avere le sue valutazioni, abbiamo a cuore tenuta dei conti e crescita economica”, continua il ministro, “ed i numeri di questa manovra e della legge di stabilità puntano ad entrambi gli obbiettivi, stare entro il rapporto del 3% e al tempo stesso favorire la crescita”.

RepowerEU, ecco il piano di Bruxelles per liberare l'Unione Europea dal gas russo
Economia

RepowerEU, ecco il piano di Bruxelles per liberare l'Unione Europea dal gas russo

Nuovi obiettivi su efficienza energetica e rinnovabili, spinta su idrogeno e biometano ma anche acquisti congiunti di gas e obbligo per gli Stati membri di installare sui tetti degli edifici pannelli solari, gradualmente tra il 2026 e il 2029. Bruxelles stima che per liberarsi dalle importazioni russe al più tardi entro il 2027 serviranno investimenti aggiuntivi per 210 miliardi
Idrogeno verde e pannelli solari, il piano UE per dire addio ai combustibili fossili russi entro il 2027
Politica

Idrogeno verde e pannelli solari, il piano UE per dire addio ai combustibili fossili russi entro il 2027

La Commissione Europea è pronta a svelare i dettagli del piano 'RepowerEu' con cui intende uscire rapidamente dalla dipendenza dal gas russo e puntare sulle energie rinnovabili per accelerare la transizione verde. Attese misure contro il caro energia, come la possibilità per i governi di fissare un tetto temporaneo al prezzo del gas in caso di shock per la sicurezza di approvvigionamento