Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Coronavirus Recovery plan Conferenza Futuro Allargamento UE
Migranti: Alfano scrive a Frontex e propone le “navi hotspot”

Migranti: Alfano scrive a Frontex e propone le “navi hotspot”

Il Viminale sarebbe pronto a fare partire, da metà giugno, un progetto pilota

Bruxelles – Il nuovo progetto di “floating hostspot” sarebbe la migliore soluzione per l’Italia, che fin dalla metà di giugno sarebbe disposta ad attuarlo per reagire alla sempre più grave crisi dei migranti. LO scrive il ministro degli Interni Angelino Alfano in una lettera arrivata la scorsa settimana sui tavoli dell’Agenzia europea per le frontiere Frontex. L’idea si basa sulla creazione centri di identificazione terresti mobili e di navi che, seguendo i flussi migratori verso le coste italiane, potrebbero ospitare un migliaio di persone, controllando e registrando gli imbarcati per poi distribuirle verso i centri d’accoglienza, oppure rimandarle nel paese di provenienza qualora manchi il diritto alla protezione.

Gli intoppi per la sua attuazione rimangono comunque parecchi nonostante la soluzione, ancora in stato embrionale, eviterebbe il problema affrontato dalla Commissione Ue secondo cui la metà delle persone che vengono salvate in mare italiano non passano attraverso gli hotspot attrezzati nel Paese. Come scrive Marco Zatterin, corrispondente da Bruxelles per la Stampa, l’esecutivo europeo preferisce ancora il progetto di hostspot mobili terrestri.

A seguito della lettera inviata il 13 maggio da Dimitris Avramopoulos, commissario Ue all’Immigrazione, ad Alfano per chiedere “di valutare tutte le implicazioni operative degli hotspot marittimi”, i portavoce europei sostengono che da Bruxelles si attendono reazioni dall’Italia, frase che da Roma però viene smentita perché il Viminale, da parte sua, sostiene di avere risposto rapidamente per affrettare i tempi dato che giugno è vicino, e non c’è tempo da perdere.

 

ARTICOLI CORRELATI

Gas, al Vertice UE i leader discuteranno di un piano di emergenza coordinato in caso di tagli alle forniture dalla Russia
Green Economy

Gas, al Vertice UE i leader discuteranno di un piano di emergenza coordinato in caso di tagli alle forniture dalla Russia

Nella bozza di conclusioni, la richiesta ai governi di preparare con urgenza capitoli dedicati da aggiungere ai piani nazionali di ripresa e resilienza per attuare gli obiettivi del piano 'REPowerEU', con cui Bruxelles intende liberarsi dalla dipendenza dagli idrocarburi russi. I capi di Stato e governo riuniti a Bruxelles il 30 e 31 maggio per un Vertice straordinario dedicato ai temi della difesa e dell'energia nel contesto della guerra in Ucraina
RepowerEU, ecco il piano di Bruxelles per liberare l'Unione Europea dal gas russo
Economia

RepowerEU, ecco il piano di Bruxelles per liberare l'Unione Europea dal gas russo

Nuovi obiettivi su efficienza energetica e rinnovabili, spinta su idrogeno e biometano ma anche acquisti congiunti di gas e obbligo per gli Stati membri di installare sui tetti degli edifici pannelli solari, gradualmente tra il 2026 e il 2029. Bruxelles stima che per liberarsi dalle importazioni russe al più tardi entro il 2027 serviranno investimenti aggiuntivi per 210 miliardi