Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Coronavirus Recovery plan Conferenza Futuro Allargamento UE
Migliaia di visualizzazioni per il primo SmartEvent di Eunews, dedicato alla risposta europea alla crisi economica
Angela Mauro in un momento del dibattito.

Migliaia di visualizzazioni per il primo SmartEvent di Eunews, dedicato alla risposta europea alla crisi economica

Oltre 3.000 persone hanno già scaricato il VIDEO di "Recovery bond, Mes, Sure, Bei e BCE, quanto vale davvero il piano UE?", il dibattito on line con Francesca Basso, Lorenzo Consoli e Angela Mauro moderati dal nostro direttore Lorenzo Robustelli

Bruxelles – Un grande successo, oltre ogni aspettativa. Ieri mattina, dalle 11.00 alle 12.00 si è svolto il primo SmartEvent di Eunews: protagonisti e testimoni dell’Europa a confronto sui grandi temi europei, con il primo appuntamento dedicato al Consiglio europeo di giovedì scorso sulle misure di risposta alla crisi economica che ha portato la pandemia di Coronavirus.

Francesca Basso durante il dibattito.

Recovery Fund, Mes, Sure, BEI e BCE: Quanto vale davvero il piano UE? Cosa hanno deciso i capi di Stato e di Governo? Che prospettive per la ripresa economica dell’Europa? Cosa ha ottenuto l’Italia? Ha risposto chi sa davvero di cosa sta parlando, chi segue ogni giorno l’Unione europea per i giornali italiani, tre grandi inviati a Bruxelles con il direttore di Eunews: Angela Mauro, Inviata speciale di Huffington Post in Europa, Francesca Basso, Giornalista del Corriere della Sera specializzata sugli Affari europei, Lorenzo Consoli, Corrispondente europeo per Askanews e Lorenzo Robustelli.

L’evento si è svolto su Zoom e in diretta sul canale Facebook di Eunews, dove potete andare a guardarlo, se ve lo siete perso, o a riascoltarlo, se vi è piaciuto. Lo hanno già fatto 3.032 persone.

Durante il dibattito, seguito in diretta da quasi 200 ascoltatori (500 contatti su FB durante l’ora di svolgimento) sono stato sottoposti a chi seguiva su Zoom anche tre sondaggi, e con grande soddisfazione abbiamo verificato che gli interventi di Basso, Consoli e Mauro sono serviti a chiarire le idee a chi li ha seguiti.

Prima di iniziare i lavori agli ascoltatori è stato proposto il sondaggio che potete vedere qui sopra, con le relative risposte. Un’ora dopo è stata posta la stessa domanda, e i risultati, tra lo stesso pubblico, sono stati significativamente diversi, come mostra il grafico qui sotto:

Una prova, insomma, che spiegando con competenza, calma e senza parzialità si aiutano i cittadini a capire.

Infine, dando seguito ad un’idea di Angela Mauro, grazie all’abilità della regia di Eunews, è stato realizzato in pochi minuti anche un sondaggio non previsto dalla scaletta iniziale che offre qualche spunto di riflessione ai decisori italiani:

ARTICOLI CORRELATI

Gas, al Vertice UE i leader discuteranno di un piano di emergenza coordinato in caso di tagli alle forniture dalla Russia
Green Economy

Gas, al Vertice UE i leader discuteranno di un piano di emergenza coordinato in caso di tagli alle forniture dalla Russia

Nella bozza di conclusioni, la richiesta ai governi di preparare con urgenza capitoli dedicati da aggiungere ai piani nazionali di ripresa e resilienza per attuare gli obiettivi del piano 'REPowerEU', con cui Bruxelles intende liberarsi dalla dipendenza dagli idrocarburi russi. I capi di Stato e governo riuniti a Bruxelles il 30 e 31 maggio per un Vertice straordinario dedicato ai temi della difesa e dell'energia nel contesto della guerra in Ucraina
RepowerEU, ecco il piano di Bruxelles per liberare l'Unione Europea dal gas russo
Economia

RepowerEU, ecco il piano di Bruxelles per liberare l'Unione Europea dal gas russo

Nuovi obiettivi su efficienza energetica e rinnovabili, spinta su idrogeno e biometano ma anche acquisti congiunti di gas e obbligo per gli Stati membri di installare sui tetti degli edifici pannelli solari, gradualmente tra il 2026 e il 2029. Bruxelles stima che per liberarsi dalle importazioni russe al più tardi entro il 2027 serviranno investimenti aggiuntivi per 210 miliardi