Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Coronavirus Recovery plan Conferenza Futuro Allargamento UE
NextGen EU e mobilità: lo SmartEvent di Eunews con il ministro Giovannini

NextGen EU e mobilità: lo SmartEvent di Eunews con il ministro Giovannini

On line lunedì 18 ottobre dalle 15.00 alle 16.00. Registrati subito!

Roma – Contando sui fondi del Next generation Eu, in Italia il PNRR stanzia 62 miliardi di euro per mobilità, infrastrutture e logistica sostenibili.

Quali sono i progetti su cui si punta nel settore dei trasporti per garantire una riduzione delle emissioni e il rispetto degli obiettivi di sostenibilità ambientale?

Rotaie prodotte con materiali riciclati, treni a levitazione magnetica, nuove infrastrutture che “accorciano” le distanze, elettricità e idrogeno per i motori, piani aziendali per la mobilità dei dipendenti: come si muoveranno gli europei e le loro merci in futuro?

Per realizzare un sistema efficiente e sostenibile, è sufficiente il pur sostanzioso impegno finanziario dell’Ue e degli stati membri, o servono anche interventi normativi? 

Ne parliamo al prossimo SmartEvent di Eunews con il ministro delle Infrastrutture Enrico Giovannini ed altri ospiti di prestigio lunedì 18 ottobre dalle 15.00 alle 16.00.

SPEAKERS

Vincenza Bruno Bossio, Deputata, Commissione Trasporti
Enrico Giovannini, Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile
Raimondo Orsini, Direttore della Fondazione per lo Sviluppo sostenibile e Responsabile dell’Osservatorio nazionale Sharing mobility
Eleonora Evi, Deputata europea, Commissione ENVI
Pierpaolo Settembri, Commissione Ue, Capo unità Coordinamento e pianificazione DG MOVE

MODERATORE

Andrea Bardi, Direttore generale Fondazione Istituto sui trasporti e la logistica.

ARTICOLI CORRELATI

RepowerEU, ecco il piano di Bruxelles per liberare l'Unione Europea dal gas russo
Economia

RepowerEU, ecco il piano di Bruxelles per liberare l'Unione Europea dal gas russo

Nuovi obiettivi su efficienza energetica e rinnovabili, spinta su idrogeno e biometano ma anche acquisti congiunti di gas e obbligo per gli Stati membri di installare sui tetti degli edifici pannelli solari, gradualmente tra il 2026 e il 2029. Bruxelles stima che per liberarsi dalle importazioni russe al più tardi entro il 2027 serviranno investimenti aggiuntivi per 210 miliardi