App Store Google play

Oneuro, il think tank di eunews, è primo settimanale italiano di approfondimento economico e di politica internazionale, nato con l’obiettivo di alimentare l’informazione e il confronto sui principali temi che riguardano il ruolo dell’Italia in Europa e dell’Europa nel mondo.

Scarica gratuitamente l’app dagli store iTunes e Google Play o leggi la versione online! Potete contattarci all’indirizzo: oneuro[at]eunews.it.

copertina

Numero 74:

  1. La chiamano flessibilità ma è austerità con lo sconto

    [di Luigi Pandolfi] La campagna mediatica delle ultime settimane sembrava presagire uno scontro reale tra Renzi e Bruxelles. Ma l’atteso paper del governo con le proposte italiane per una «riforma strategica dell’Unione europea» dimostra che Renzi non ha nessuna alternativa da offrire alle politiche economiche dell’Unione.

  2. Chi decide in Italia la politica fiscale?

    [di Gustavo Piga] Sulle pagine di Repubblica, Renzi aveva bocciato la proposta di un superministro delle finanze europeo (inevitabilmente “tedesco”). Ma nel position paper del governo sull’Europa la proposta viene avallata in toto. Viene dunque da chiedersi: chi ha in mano la politica economica in Italia?

  3. Perché serve un audit sul debito in tutti i paesi del Sud Europa

    [di Francesca Coin] Nell’ultimo quarto di secolo il discorso sul debito è stato utilizzato per imporre politiche di austerità al Sud Europa e per costruire una narrazione discorsiva fondata tutta sulle colpe del debitore. È questa narrazione che dobbiamo rovesciare.

  4. Gli squilibri nell’eurozona non dipendono dal costo del lavoro e dalla competitività

    [di Servaas Storm] Le cause degli squilibri tra i paesi dell’eurozona non dipendono dal differenziale accumulato del costo del lavoro, né in generale dai prezzi, ma vanno ricercate nel lato finanziario dell’economia europea.

  5. Si prepara la prossima socializzazione delle perdite

    [di Maurizio Sgroi] In questi anni gli Stati hanno accesso pesantissime garanzie nei confronti delle istituzioni finanziarie. Oggi queste ammontano a diversi trilioni di euro. Se tali perdite dovessero diventare reali, a farne le spese sarà ancora una volta il contribuente.

  6. Contratti derivati, un segreto di Stato

    [di Francesco Bochicchio] Il ministero dell’economia ha negato la consegna dei contratti derivati tra lo Stato ed alcune banche internazionali. Si tratta di una palese violazione della normativa esistente, che solleva dubbi inquietanti sulla reale esposizione dello Stato italiano.

  7. La teoria generale di Keynes compie ottant’anni

    [di Robert Skidelsky] Dopo la crisi del 2008, le misure keynesiane hanno arginato la caduta dell’economia globale. Ma non appena è iniziata la ripresa, i governi si sono riconvertiti all’ortodossia pre-keynesiana, tagliando le spese per ridurre i deficit, rallentando la ripresa economica nel processo.

PageAppOneuroRivisteContainerLeftArrow
PageAppOneuroRivisteContainerLeftArrow