Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Coronavirus Recovery plan Conferenza Futuro Allargamento UE
Continua la battaglia italiana contro le etichette

Continua la battaglia italiana contro le etichette "Nutriscore", ora si combatte in Belgio

L'Ambasciatrice d'Italia in Belgio ha incontrato oggi la ministra della Salute belga per discutere il tema dell'etichettatura alimentare. Presentata anche la proposta italiana in merito

Bruxelles – Continua la battaglia italiana contro le etichettature a semaforo dei prodotti alimentari. In questi giorni si è spostata in Belgio, dove da qualche settimana è entrata in vigore una nuova normativa che prevede una classificazione della “salubrità” dei prodotti attraverso un indice a colori che, di fatto, come nei casi già realizzati in Gran Bretagna e Francia penalizzano ad esempio il Parmigiano, perché ricco di grassi, e favoriscono le bibite gasate (piene di zuccheri magari, ma senza grassi).

In sostanza con questi sistemi, come ebbe a dire l’eurodeputata di Forza Italia Elisabetta Gardini “mi si spiega che è più sano dare al mio bambino una bella bibita gasata, magari nel biberon, anziché un po’ di parmigiano grattugiato nella pappa”.

Come noto i primi ad introdurre questo sistema a “semaforo” sono stati i britannici, poi seguiti dai francesi con il “Nutri-score” ed ora ci sono anche i belgi. Per questo oggi l’Ambasciatrice d’Italia in Belgio, Elena Basile, ha avuto un incontro con la ministra federale della Salute belga, Maggie De Block, per discutere il tema dell’etichettatura dei prodotti alimentari. Basile ha presentato la proposta italiana, basata su icone in grado di indicare al consumatore il contributo che una porzione dell’alimento fornisce al fabbisogno quotidiano di energia e di altri nutrienti, “pertanto senza discriminazioni aprioristiche tra i prodotti agroalimentari”. L’informazione appare pertanto più oggettiva, sostiene il governo italiano, basata su dati scientifici ed invita il consumatore a comprare i diversi prodotti della propria dieta in modo autonomo e consapevole.

De Block alla fine dell’estate ha autorizzato l’introduzione in Belgio di un sistema di etichettatura volontario, detto anch’esso “Nutriscore”, che assegna un punteggio e un colore a ciascun prodotto, per ora in via di adozione dalla catena di supermercati Delhaize. Nell’illustrare le caratteristiche della proposta italiana, Basile ha espresso le perplessità su sistemi di etichettatura che esprimono giudizi sintetici e di valore su singoli alimenti, qualificandoli astrattamente come “buoni” o “cattivi” e finendo così per danneggiare prodotti agro-alimentari di qualità.

ARTICOLI CORRELATI

Intesa mancata tra i governi UE sul bando al petrolio russo. I ministri degli Esteri non superano il veto di Orbán
Economia

Intesa mancata tra i governi UE sul bando al petrolio russo. I ministri degli Esteri non superano il veto di Orbán

Dopo ore di confronto al Consiglio Esteri, il sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia torna sul tavolo tecnico degli ambasciatori presso l'UE, che cercheranno nei prossimi giorni di superare il 'no' dell'Ungheria. Budapest porta a Bruxelles le sue preoccupazioni sul fare a meno delle forniture di petrolio importato dalla Russia, mentre il ministro degli Esteri ucraino esorta i governi UE all'unità contro il Cremlino
La Germania si opporrà all'etichetta 'verde' per il nucleare nella tassonomia europea
Economia

La Germania si opporrà all'etichetta 'verde' per il nucleare nella tassonomia europea

Il governo di Berlino formalizza l'intenzione di opporsi (già nell'aria da tempo) al secondo atto delegato del sistema di classificazione degli investimenti sostenibili dell'UE. Una bocciatura in sede di Consiglio è improbabile, nonostante il peso politico della Germania: serve una super maggioranza di 20 Stati su 27. Più verosimile che il documento non passi all'Eurocamera, dove i numeri sono più risicati