Ema mette le mani avanti: Per il trasloco ad Amsterdam proposta una “soluzione non ottimale”

print mail facebook twitter

Il direttore dell’Agenzia del farmaco lamenta il fatto che il nuovo edificio non sarà pronto per la data del divorzio e si dovrà usare una sistemazione provvisoria, ma aggiunge: “L’80% dei dipendenti è contento della città”. Toia (Pd): “Si faccia piena luce”

LASCIA UN TUO COMMENTO