Privacy, il garante europeo apre inchiesta sui contratti UE-Microsoft: teme furti di dati

print mail facebook twitter single-g-share

Si vuole verificare che le condizioni sottoscritte tra le parti rispettino le regole sulla protezione dei dati, cambiate da dicembre con l’entrata in vigore del regolamento. E si temono furti massicci come già scoperto nei Paesi Bassi

TUTTI i post di: Emanuele Bonini

Visualizza altri post
LOADING
LASCIA UN TUO COMMENTO