Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Certificato Covid Recovery plan Elezioni Germania 2021 Coronavirus Brexit SmartEvent
Festival del Cinema di Venezia 2021: nominati 6 film finanziati dall'UE
(Immagine da archivio Commissione europea)

Festival del Cinema di Venezia 2021: nominati 6 film finanziati dall'UE

Bruxelles – Sei film finanziati dall’UE sono in lizza alla 78a edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, che ha aperto oggi i battenti. “Il buco”, di Michelangelo Frammartino, sarà in concorso, mentre “107 Madri” di Peter Kerekes, “White Building” di Kavich Neang e “Anatomia del tempo” di Jakrawal Nilthamrong sono stati scelti per la sezione Orizzonti,  dedicata ad opere innovative e artistiche. “Costa Brava” di Mounia Akl e “La fée des Roberts” di Léahn Vivier-Chapas figurano rispettivamente nei concorsi Orizzonti Extra e Orizzonti Cortometraggi. I vincitori dell’edizione di quest’anno saranno annunciati l’11 settembre durante la cerimonia di premiazione.

I film sono stati coprodotti da team internazionali, provenienti da diversi Paesi dell’Unione (Cechia,  Danimarca, Germania, Spagna, Francia, Italia, Paesi Bassi, Slovacchia e Svezia) e non solo (Norvegia, Cambogia, Congo, Libano, Qatar, Singapore, Thailandia e Ucraina).

Complessivamente, grazie alla sezione MEDIA del Programma Europa Creativa, l’UE ha investito 290.000 euro nello sviluppo e nella coproduzione e distribuzione internazionale di queste opere. I titoli saranno presenti anche nel contesto dei 30 anni della campagna MEDIA, che celebra il costante sostegno dell’UE all’industria audiovisiva. Il Festival, in collaborazione con il programma MEDIA di Europa Creativa, ospiterà un’edizione in streaming dello European Film Forum il 6 settembre, dal titolo “Behind the scenes of the screen industry: for an innovative and resilient industry”.

Italia leader europea nelle politiche culturali?
Cultura
IL CONTRIBUTO

Italia leader europea nelle politiche culturali?

L'Italia si candida a ricoprire il ruolo di leader europeo nelle politiche culturali, ma alcuni evidenti problemi interni legati al mondo dell'istruzione e della formazione ne frenano lo slancio. Solo un'attenta azione di riforma e sostegno consentirà all'Italia di consolidare la propria leadership europea